Ven, 17 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Governo, il Conte bis in dirittura d’arrivo.

[:it]

Vertice fiume nella notte.

Nonostante quattro ore di vertice serale a palazzo Chigi tra Giuseppe Conte, Luigi Di Maio, Nicola Zingaretti e Andrea Orlando, non è arrivata la fumata bianca per la

nascita del nuovo governo giallorosso.I quattro protagonisti hanno concordato che sarà proprio Conte il premier del governo Pd-M5S ma sul programma e i contenuti, e sulla composizione della compagine ministeriale, ci sono ancora grosse differenze. Dissensi ci sono anche sulla manovra economica di autunno. Questa almeno è la versione che danno i democratici; secondo i grillini invece è il Pd ad avere ancora incertezze su Conte: «E’ un momento delicato, ma la pazienza ha un limite. L’Italia non può aspettare». Un incontro che ha concluso una giornata tesissima, segnata da riunioni e contatti tra i due partiti ma anche da veleni e veline. La partita è apertissima: il Pd ha dovuto mandar giù il boccone amaro della conferma del premier Giuseppe Conte, ma il segretario Zingaretti cerca contropartite, puntando sui pesantissimi ministeri di Economia e Infrastrutture.

Per sciogliere i molti nodi rimasti aperti sono a disposizione le ore che separano i leader di Cinque Stelle e Pd dall’incontro sul Colle con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Le consultazioni del Capo dello Stato cominciano oggi pomeriggio, ma i rappresentanti dei partiti maggiori saliranno al Quirinale domani.

La giornata è stata aperta dai vertici dei due partiti: al Nazareno il segretario del Pd ha dovuto registrare la sostanziale volontà di tutto il partito (escluso il presidente Paolo Gentiloni) di accettare la conferma di Giuseppe Conte. A poca distanza, nell’abitazione privata di Davide Casaleggio, si riunivano i capi di M5S, con Grillo collegato telefonicamente. Qui prevaleva la volontà di chiudere un accordo con i democratici.La svolta è arrivata nel pomeriggio, con il faccia a faccia delle 18 tra Zingaretti e Di Maio a Palazzo Chigi, nell’ufficio del vicepremier e capo politico dei Cinque Stelle. Un passo che faceva presagire la volontà di stringere, ma che non ha dato esito positivo. Un colloquio di 25 minuti appena, da cui il segretario dei democratici è uscito con un viso decisamente scuro: Di Maio aveva chiesto per sé il ministero degli Interni, proposto la nomina di due vicepremier dei due partiti (considerando il premier Conte «terzo»), possibilmente «incastrando» in questo ruolo lo stesso Zingaretti. E, infine, rivendicando per i Cinque Stelle il nome del Commissario europeo italiano. Nella mezz’ora successiva qualcosa succede: dal Nazareno dicono che l’intesa non c’è, ma che M5S e Pd si rivedranno alle nove di sera, con la presenza del possibile premier Giuseppe Conte, di ritorno dal G7 francese. «È partito il confronto sulle idee per un governo autorevole, di svolta», dice davanti al portone del Nazareno il leader Pd, che fino all’ultimo invoca un ricambio dei nomi e non si sbilancia sulla premiership.

L’accelerazione risponde all’auspicio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella a sciogliere in pochi giorni la crisi di governo. Entro la serata – le 19 secondo alcune fonti parlamentari – il Quirinale aveva chiesto di avere indicazioni chiare dai partiti. Le risposte finali dovranno arrivare nelle consultazioni che il capo dello Stato convoca tra oggi e domani. Se domani le delegazioni del Pd e del M5s esprimeranno la volontà di formare un governo politico, il capo dello Stato assegnerà l’incarico al premier da loro indicato, che avrà un tempo congruo, nei limiti della ragionevolezza – si ipotizza una settimana – per comporre la squadra dei ministri.

L’accelerazione spegne il «forno» che Di Maio aveva tenuto acceso fino all’ultimo con Matteo Salvini. Alle otto di sera il numero uno della Lega si arrende: «Vince il partito delle poltrone, il governo di Bibbiano, non faccio appelli alle piazze. ma la via maestra è il voto», dichiara mentre Giorgia Meloni annuncia che Fdi è pronta a manifestare. Forza Italia, che ha un fronte di parlamentari tentati dall’appoggio esterno, si prepara all’opposizione. Mentre Liberi e Uguali (nel pomeriggio Andrea Orlando ha visto Federico Fornaro e Roberto Speranza) sembra pronto a fare ingresso nell’Esecutivo.

La trattativa sui ministri, e sperabilmente sui programmi, non sarà affatto una passeggiata. I contorni dell’intesa si vedranno meglio nelle riunioni di direzione Pd e gruppi dem convocati quasi in contemporanea stasera. Non dovrebbe essere invece un problema insormontabile il passaggio, richiesto dai Cinque Stelle, della consultazioni degli iscritti sulla piattaforma Rousseau. Considerato, in qualche modo, un passo puramente formale e simbolico.
Approfondimento: La Stampa

[:]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: