Ven, 24 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

UP2GO reinventa il car pooling

[:it]

E’ possibile condividere il proprio viaggio o tragitto casa-lavoro con colleghi o conoscenti per ottimizzare gli spostamenti e le emissioni

La nostra presentatrice Martina Villanova ha intervistato la dott.ssa Elena Salsi e la sig.ra Manuela Bini, rispettivamente legale rappresentante e co-founder di UP2GO, nella puntata di Pole Position andata in onda il 25 ottobre sul canale 821 di Sky.

UP2GO nasce dall’idea di alcune donne, professioniste in vari settori, appassionate di innovazione e sostenibilità che, qualche anno fa, hanno pensato di creare un’azienda che si occupasse proprio di questo. Il primo prodotto è per effettuare viaggi in car pooling, ovvero in condivisione. Dopo una prima fase da startup, è passata alla fase di commercializzazione vera e propria; attualmente è costituita da 10 persone ed è presente sul territorio in alcuni punti cardine, ovvero a Milano, a Reggio Emilia ed a Roma.

Il servizio viene offerto tramite un’applicazione mobile, utilizzabile su tutte le piattaforme più importanti, che permette di creare molto facilmente dei viaggi e metterli a disposizione di altri utenti in modo da viaggiare insieme ad altre persone, condividendo la propria auto. Il viaggio non è necessariamente una lunga tratta, si può condividere anche il tragitto casa-lavoro oppure il tempo libero, indicando il percorso ad una comunità ristretta, che può essere, ad esempio, i colleghi di una stessa azienda.

Infatti, principalmente chi usa il servizio sono le aziende, in quanto i loro dipendenti fanno effettivamente lo stesso percorso e condividere il proprio mezzo di trasporto fa sì che ci sia un risparmio a livello di emissione di CO2 e quindi di sostenibilità; inoltre permette ai dipendenti di una stessa azienda di conoscersi e di socializzare anche all’esterno. Il servizio, inoltre può essere messo a disposizione dall’azienda stessa che, attraverso una licenza, acquista il servizio mettendolo a disposizione dei propri utenti.

Il servizio è destinato anche alla pubblica amministrazione, ad esempio a quei comuni che vogliono in qualche modo interconnettere più persone e far muovere più agevolmente il traffico sulle strade urbane ed extraurbane diminuendo le auto in circolazione e creare una sostenibilità a livello di abbattimento della CO2 e di miglioramento della vita delle persone.

Parlando di spostamenti fatti in condivisione di una comunità costituita da persone che si conoscono tra loro, uno dei punti di forza è la sicurezza. Un altro è legato alla condivisione di comportamenti sostenibili, in quanto l’applicazione è dotata di una connessione con un social network attraverso cui si può condividere di aver compiuto un’azione sostenibile che crea un ingaggio verso altre persone.

La strategia per il prossimo futuro sarà quella di aumentare le funzionalità della applicazione, unendo anche la possibilità di mappare l’andata al lavoro con la bicicletta o a piedi ed essere premiati anche mediante questi comportamenti sostenibili. Più a lungo termine vede una collaborazione con una serie di partner che permetteranno di creare prodotti customizzati verso una intermodalità ed una connessione sostenibile attraverso il car sharing e l’utilizzo del mezzo pubblico in maniera più integrata.[:]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: