Mar, 26 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Novotech: tecnologia aerospaziale avanzata

[:it]

Incontro con il professor Leonardo Lecce, ingegnere aeronautico e amministratore unico di Novotech e l’ingegner Marco Barile, direttore generale di Novotech

La storia di Novotech parte da Napoli dalla laurea in ingegneria areonautica nel 1971 del professor Leonardo Lecce che ha avuto la fortuna di avere come maestro un grande progettista dell’areonautica: il professor Luigi Pascale della Partenavia Tecnam.
L’ingegner Leonardo Lecce inizia dunque subito ad interessarsi del settore oltre che con la didattica anche con la pratica operativa costituendo una semplice società di servizi cresciuta nel tempo fino ad arrivare a quella di oggi.
Novotech nasce come service alle imprese dell’aviazione generale che sviluppavano piccoli velivoli in particolare collaborando con Partenavia del professor Luigi Pascale per poi diffondersi su tutto il territorio nazionale andando a fare prove specifiche e tecniche presso altre aziende a Milano, Padova e Roma.
Novotech si è poi sviluppata nel corso degli anni con varie diversificazioni a seconda delle esigenze sottoposte prima dalle piccole e poi dalle grande im-prese.
Novotech ha contribuito alla progettazione e allo sviluppo del più importante velivolo da trasporto civile mai fatto in Italia il veivolo ATR, un turboelica: la collaborazione con ATR continua ancora oggi a distanza di quasi 40 anni.
Novotech è in grado di supportare lo sviluppo di nuove tecnologie legate a strutture aeronautiche innovative realizzate con materiali di ultima generazione come i materiali compositi.
Il “787” ad esempio è un velivolo realizzato con un materiale composito ovvero fibra di carbonio e resina epossidica.
Novotech é specializzata nell’introduzione di tecnologie automatizzate per la produzione di strutture di materiale composito realizzate con processi di produzione fuori autoclave e cioè a basso costo e basso impatto ambientale e sta sviluppando anche tecnologie eco-sostenibili con materiali compositi riciclabili.
Novotech ha perseguito negli anni una filosofia di specializzazione e di net-working con apparati di ricerca e produttivi sia in italia che all’estero, ed in in particolare in Europa
Novotech è una società che punta all’innovazione e quindi si pone come partner ideale delle imprese nel settore aerospaziale e di altre industrie di tecnologia avanzata operando nel settore della ricerca e della sperimentazione.

Infatti Novotech nasce nel 1992 come spin off del dipartimento di ingegneria aereospaziale dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e quindi proprio come società di consulenza tecnica per la ricerca di nuove soluzioni a problemi ingegneristici di complessità crescente.
Novotech supporta in generale piccole e medie imprese in Italia ed ha in atto importanti collaborazioni internazionali.
Novotech è centro di sviluppo di nuovi processi produttivi basati sull’automazione legata al composito ed è fornitrice di una delle più grandi società di produzione di materiale per il settore: Aerospace del Gruppo Solvay.
Attualmente Novotech coordina due nuovi programmi di ricerca nello sviluppo e applicazioni di materiale composito e nei processi di produzione con 10 di-verse nazioni europee: uno in Clean Sky e un altro finanziato dal programma Horizon 2020.
Novotech si occupa anche del progetto Nhyte partito una anno e mezzo fa e che prevede lo sviluppo di un nuovo materiale composito termoplastico e ri-ciclabile per produrre le aerostrutture del futuro, un materiale multifunzionale che può essere processato fuori autoclave con una riduzione significativa dei costi di produzione e che fornisce anche il vantaggio di una diminuzione di pesi del velivolo: target al quale devono aspirare tutte le aziende che guarda-no al futuro dell’innovazione e della tecnologia.
Novotech coordina dunque un progetto di oltre 5 milioni e mezzo di euro che coinvolge anche Leonardo Velivoli insieme ad altre 6 aziende e centri di ri-cerca universitari a livello europeo.
Lo sviluppo in questo settore settore specifico dell’aerospazio è continuo e Novotech investe costantemente nella ricerca e nell’innovazione per essere sempre pronta alle richieste delle medie e grandi realtà non solo europee,
mettendosi quindi a disposizione di tutto il mercato e divulgando il più possibile i know-how acquisiti nel settore aerospaziale.
Di recente la Novotech è stata per esempio visitata dal team tecnico della più grande impresa cinese nel settore aerospaziale, la Comac (Commercial Aircraft Corporation of China) che si è fortemente interessata alle sue tecno-logie avanzate.
Leonardo Lecce, ingegnere aerospaziale e professore ordinario di Strutture Aerospaziali Avanzate presso il Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale dell’Università di Napoli “Federico II” è anche autore di due libri proprio su tecnologie estremamente innovative e di uno di questi è già stata richiesta la stesura di una seconda edizione aggiornata.

In generale Novotech si rivolge a quelle aziende che hanno una visione a lungo termine dei vantaggi tecnologici che derivano dagli investimenti. All’estero è più facile trovare questo tipo di imprese.
Dall’ingegner Leonardo Lecce è nato un progetto che è un sogno diventato quasi realtà: si chiama Seagull e cioè un mezzo di trasporto in grado di navi-gare nel mare e volare nel cielo.
Una “barca volante” ovvero un veicolo di trasporto personale, un piccolo are-reo biposto che si può parcheggiare come una barca ed è in grado di ripiega-re le ali. Si tratta di un brevetto che Novotech dovrebbe acquisire ed è un progetto partito circa un anno fa e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico nell’ambito della Legge 808/85 per il finanziamento dei progetti di ricerca e di sviluppo nel settore dell’aerospazio che ha già finanziato con successo l’industria aeronautica italiana grazie all’impegno del Comitato Interministeriale per lo sviluppo dell’Industria Aeronautica di cui il professor Leonardo Lecce ha fatto parte.
Un aereo completamente innovativo realizzato in materiale composito fuori autoclave con processi a basso costo, a propulsione ibrida ed interamente automatizzato: unico nel suo genere nel settore.
A breve Novotech presenterà il progetto dello stesso velivolo nella versione quadriposto e con decollo verticale. Novotech si propone come sviluppatore in questo segmento di mercato cioè quello del trasporto personale che nasce dalla necessità di liberare le grandi città dal traffico che oggi limita il movimento delle persone.
Il segreto del successo è la passione che da 40 anni lo stesso professor Leonardo Lecce, amministratore unico di Novotech, cerca di trasferire ai gio-vani che vi operano; l’altro è quello di combinare l’ esperienza con la determinazione e la voglia di fare dei giovanissimi addetti ai lavori tra cui altri 3 dottori di ricerca. E poi non fermarsi mai al primo ostacolo perché la sperimentazione e lo sviluppo tecnologico hanno bisogno di grande passione e tenacia per arrivare ai risultati desiderati.

Anna Li Vigni – contributor Business24

Guarda il video integrale dell’intervista:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: