Sab, 25 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Ai negozi restano solo i saldi per sopravvivere

[:it]

Nella sfida natalizia negozi-ecommerce la tradizione ha la meglio, ma le prospettive sono preoccupanti

(Articolo pubblicato oggi sul quotidiano La Verità) – “Chi non SALDA rovinato è – è!”. Sembrerebbe questo il coro dei piccoli commercianti e artigiani. Sebbene le abitudini di consumo degli italiani, anche per questo Natale abbiano premiato il cosiddetto “negozio di vicinato”, è in costante aumento il trend dello shopping online e presso i grandi centri commerciali e gdo. Eh già, tra BlackFriday, giganti dell’ecommerce, offerte speciali subito dopo il 25, i piccoli esercenti arrancano sempre più anche in un periodo dell’anno storicamente propizio e perdono terreno in maniera che parrebbe quasi inesorabile: il loro destino è segnato? Non resta che… saldare! I saldi sembrano l’unica occasione di riscatto per queste attività imprenditoriali, che anche in questo caso devono fare i conti con regole e regolette, e la proverbiale apatia di molti commessi e dipendenti, che per 10 minuti in più di apertura o una folla troppo numerosa alla porta storcono il naso e mugugnano, salvo poi farsi scannare nelle macellerie col logo che sorride. Ma vediamo insieme un po’ di dati. Secondo Confesercenti/SWG l’incertezza ha frenato le feste. Gli italiani sono preoccupati dalle prospettive di politica ed economia; 1 su 3 taglia sui regali ed il budget si accorcia a 272 € a persona (-4,4%). Negozi e mercatini si confermano i canali d’acquisto preferiti, il 57%, ma è sempre più numeroso chi nel mese di dicembre ricorre al web: negli ultimi 10 anni dal 3,8 al 55%, come rivela Confcommercio. 6,4 miliardi per specialità artigiane, dati Confartigianato: le feste hanno fatto impennare la spesa alimentare, che raggiunge i 15 mld, 2,4 mld in più rispetto alla spesa media mensile. A proposito di Amazon, nel 2019 ha consegnato oltre 3,5 mld di pacchi in tutto il mondo. Durante le festività il numero è quadruplicato rispetto alla scorsa stagione; A. ha assunto più di 250mila operatori stagionali a tempo pieno e part-time in tutta la sua rete e ora impiega 750mila dipendenti in tutto il mondo. Per Confesercenti i saldi rappresentano l’ultima spiaggia dei negozi, in palio c’è una torta da 40milioni. Previsioni: 168 € a testa ma metà spenderà sotto i 100 €. La Codacons si ferma a 145 a famiglia. Ma bisogna considerare la grande distribuzione e gli outlet: più di 1 consumatore su 5 cercherà nelle cittadelle degli sconti. Insomma, dopo Natale “si saldi chi può”, come al solito col coltello tra i denti per i piccoli imprenditori italiani, che vedono all’orizzonte un’atmosfera tutt’altro che natalizia: perché a loro, regali e sconti non ne ha mai fatti nessuno.

 

di Matteo Valléro – direttore editoriale Business24[:]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: