Lun, 24 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Le Borse europee rafforzano il rialzo dopo il maxi piano USA

[:it]

Milano schizza e lo spread scende sotto i 190 punti

Nuovi rialzi per Piazza Affari e le Borse europee dopo i guadagni di ieri. In apertura l’indice Eurostoxx 50 segna un progresso di quasi il 2%, a Francoforte il Dax sale del 2,8% e a Londra il Ftse100 incassa un +1,3%. Bene anche Milano con l’indice Ftse Mib che sale di oltre +2,5% a quota 17.377 punti, mentre lo spread scende sotto i 190 punti. Tra i migliori titoli spicca Generali Assicurazioni con +6,15%. Il Leone di Trieste era stato tra i migliori anche ieri con oltre +11%. Molto bene i titoli del risparmio gestito: +5,4% Azimut,+5,8% Banca Mediolanum e +4% per Poste. Tra gli industriali si conferma anche oggi il rimbalzo di STM (+5,7%).

Tutto questo grazie all’accordo raggiunto tra la Casa Bianca e il Congresso Usa in merito al maxi piano di sostegno economico da 2.000 miliardi di dollari per contrastare gli effetti economici del Coronavirus. Il piano prevede tra le misure un programma di prestiti alle piccole e medie imprese, assegni per le famiglie e per i lavoratori che hanno perso anche temporaneamente l’occupazione.

Positivo anche il mercato di Wall Street che ieri sera ha visto il Dow Jones chiudere con un balzo di oltre 11 punti percentuali. Si tratta del maggior rialzo in una sola sessione dal 1933. L’S&P 500 ha archiviato la seduta con un incremento del 9,4%, mentre per il Nasdaq segna un +8,1%. Il buon umore si è trasferito sui listini asiatici, tutti in positivo e con Tokyo che è volata di oltre l’8%.

Dopo l’accordo USA anche il dollaro si rafforza mentre la sterlina continua a essere sottovalutata ma anche la valuta britannica ha del potenziale di apprezzamento se Londra dovesse annunciare un nuovo pacchetto di stimoli fiscali in risposta all’epidemia. Intanto il cambio sterlina/dollaro viaggia sopra 1,18 a 1,1834 (+084%).

Rimane alta l’attenzione all’inflazione in Gran Bretagna e all’indice Ifo, che misura il sentiment delle imprese in Germania.

di: Maria Lucia PANUCCI[:]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: