Ven, 24 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Le Borse europee proseguono i rialzi

[:it]

Oggi focus sull’inflazione in Italia e Ue

Proseguono i rialzi per le Borse europee. L’indice Eurostoxx 50 sale dell’1,5%, a Francoforte il Dax avanza dell’1,6%, a Parigi il Cac40 segna un +1,5% e a Londra l’indice Ftse100 guadagna l’1,3%. Milano anche va bene con l’indice Ftse Min che guadagna l’1,55% a 17.133 punti. A sostenere il mercato è sicuramente il dato positivo giunto dalla Cina questa mattina, che ha mostrato un sorprendente recupero dell’attività manifatturiera, dopo il lockdown che ha messo in quarantena l’economia del paese, a seguito dei contagi da Coronavirus. L’indice Pmi manifatturiero di marzo si attesta a 52 punti, ben superiori ai 45 punti attesi. A febbraio, il dato era capitolato al minimo record di 35,7 punti.

La produzione industriale in Giappone, nella lettura preliminare di febbraio, è cresciuta dello 0,4% a livello mensile. Il dato ha battuto il consenso degli economisti che si aspettavano un aumento dello 0,1% mese su mese. In base alle previsioni del governo, la lettura dovrebbe calare del 5,3% mese su mese a marzo e rimbalzare del 7,5% mese su mese ad aprile. Il tasso di disoccupazione in Giappone si è attestato al 2,4% a febbraio, in linea al consenso degli economisti e le vendite al dettaglio sono cresciute dell’1,7% su base annua a febbraio. Il dato ha stracciato il consenso degli economisti che si aspettavano una contrazione dell’1,2% anno su anno. Nell’area euro, i prezzi delle importazioni in Germania sono calati dello 0,9% a livello mensile e del 2% su base annuale, mentre quelli delle esportazioni sono scesi dello 0,1% mese su mese e cresciuti dello 0,3% anno su anno.

Buone notizie per il petrolio che torna positivo: il barile di Brent è in rialzo dello 0,83% a 22,95 dollari, mentre quello del Wti avanza del 5,9% a 21,29 dollari.

L’attenzione degli investitori in questa seduta si focalizzerà sulla disoccupazione tedesca di febbraio, anche se potrebbe essere ancora troppo presto per vedere l’impatto della pandemia di Coronavirus su tale lettura. In agenda anche l’inflazione preliminare di marzo dell’Italia e della zona euro e a seguire il focus sarà all’indice di fiducia dei consumatori di marzo negli Usa.

Nel valutario, l’euro/dollaro tratta poco sopra 1,10 a 1,1014, il dollaro/yen sopra 108 a 108,31 e il cross tra sterlina e dollaro viaggia sopra 1,23 a 1,2338. Il rendimento del Treasury decennale tratta in rialzo allo 0,721% rispetto allo 0,667% della chiusura di ieri.

di: Maria Lucia PANUCCI[:]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: