Mar, 01 Dicembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Azzolina, approvato il Piano Scuola

[:it]

In arrivo 400 milioni per garantire la connessione veloce in 32 mila edifici scolastici

Portare la banda ultralarga in 32 mila edifici scolastici. Con questo obiettivo è stato approvato poco fa il Piano Scuola nella riunione del Comitato nazionale per la Banda Ultralarga che si è svolta alla presenza anche della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina. Oltre 400 milioni di euro per garantire rapidamente una connessione veloce (velocità a 1 Gbit con 100 Mbits di banda garantita) all’81,4% dei plessi scolastici, quelli del primo e secondo ciclo, per un totale di 32.213 edifici. “L’approvazione del Piano rappresenta un’importante accelerazione – sottolinea la Ministra Azzolina – abbiamo aumentato gli investimenti previsti portandoli dagli iniziali 200 milioni a oltre 400. Li abbiamo raddoppiati. Con i fondi aggiuntivi delle Regioni e altre economie di spesa puntiamo a raggiungere progressivamente il 100% degli edifici scolastici. Ringrazio il Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, la Sottosegretaria al Mise, Mirella Liuzzi, e la Ministra per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Paola Pisano, per la collaborazione e per aver messo la scuola al centro delle attività del Comitato, recuperando velocemente ritardi che si sono accumulati nel corso degli anni. Ringrazio poi le Regioni che gestiranno queste risorse e lavoreranno con noi per attuare il Piano. Vogliamo digitalizzare la scuola e farlo in fretta“.

Gli oltre 400 milioni del Piano Scuola serviranno per coprire i costi strutturali per portare la banda ultralarga nelle istituzioni scolastiche e per coprire i costi di connettività per cinque anni. Ma non è tutto perché nel provvedimento sono previsti anche voucher per le famiglie di due tipi: un contributo massimo da 200 euro per connessioni veloci e uno da massimo 500 euro per connessioni veloci e per l’acquisto di tablet e pc.

di: Maria Lucia PANUCCI

LEGGI ANCHE: Istat, una famiglia su tre in Italia non ha pc o tablet

LEGGI ANCHE: In tempo di quarantena è boom dei social[:]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: