Mer, 30 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

A 17 anni crea un sito per tracciare il virus e rifiuta 8 milioni di dollari

[:it]

“Non voglio approfittarne”, ha detto

Sviluppa un sito di tracciamento mondiale del Covid-19 e per questo a 17 anni è diventato famoso in tutto il mondo. Il business però non gli interessa, non è il suo mestiere. Avi Schiffmann, studente dello Stato di Washington, ha rifiutato così 8 milioni di dollari che gli erano stati offerti in cambio del suo sito, dal nome ncov2019.live che conta 30 milioni di utenti giornalieri. “Non voglio approfittarne“, è stato il suo commento.

Il ragazzo ha spiegato molto semplicemente che alla sua età non gli servono 8 milioni di dollari e che non ha nessuna intenzione di diventare uno speculatore. “Molti mi dicono che rimpiangerò questa decisione ma ho altri piani per il futuro“, ha aggiunto.

Da quando il suo sito è online, oltre 700 milioni di utenti unici lo hanno visitato. Il portale contiene infatti una miriade di informazioni sul nuovo virus: dalle statistiche sugli infetti, alle vittime, ai guariti passando per le percentuali di miglioramento di ogni area. I dati utilizzati provengono da fonti affidabili come l’Oms, i Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie e altre piattaforme governative. La creatura di Schiffmann ha caratteristiche uniche e si distingue da altri con funzioni simili. Uno degli ultimi aggiornamenti ha aggiunto ad esempio uno strumento per calcolare il tasso di sopravvivenza. Non solo. Ci sono anche consigli per l’igiene delle mani e una lista dei sintomi più comuni. Semplicità e praticità sono le caratteristiche che ne hanno decretato finora il successo.

In molti ne hanno fiutato la validità ed hanno provato a offrire sponsorizzazioni. Microsoft ha addirittura inviato un’offerta di lavoro al diciassettenne che però anche in questo caso ha rifiutato. E invece che affidarsi alle entrate pubblicitarie, Schiffmann ha preferito aprire una sottoscrizione volontaria, pur di mantenere la sua autonomia.

di: Maria Lucia PANUCCI

 [:]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: