Mer, 30 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Debole Wall Street in avvio di seduta

[:it]

L’Europa recupera. La migliore è Milano

Partenza debole per la borsa di Wall Street. In calo in avvio il Dow Jones. Leggermente negativo anche il Nasdaq 100 che segna -0,35%, così come l’S&P 100 (-0,3%).

Restano i timori per le tensioni tra Stati Uniti e Cina ed in generale sull’emergenza Covid-19 ma le Borse europee cercano di recuperare dopo l’apertura negativa di questa mattina. Francoforte, Parigi e Madrid sono tornate sopra la parità mentre resta indietro Londra, dopo che la fiducia dei consumatori nel Regno Unito è tornata al livello più basso da 10 anni (-34 punti a maggio rispetto ad aprile). Piazza Affari invece svetta, in controtendenza rispetto al resto del Vecchio Continente con un rialzo superiore all’1%.

Milano accelera soprattutto grazie al comparto bancario che, dopo essere stato colpito nei giorni scorsi dal ritorno dello short selling, oggi viaggia in controtendenza. Unicredit rimbalza del 4%, Ubi, Banco Bpm e Bper del 2%. Bene anche il comparto industriale con Prysmian (+3,5%), Buzzi (+2,5%) e Fca (+2,5%) e i farmaceutici con Diasorin (+1,5%). Giù invece la moda con Ferragamo e Moncler che cedono oltre l’1% sui timori di un nuovo rallentamento delle vendite nel sud est asiatico. In ribasso anche i petroliferi che scontano la frenata del greggio dopo che la Cina non ha fissato il target di crescita 2020 a causa delle incertezze legate al Covid (vedi qui). Il recupero dei consumi elettrici e la prospettiva sempre più concreta di un nuove misure Ue a favore delle rinnovabili consentono alle utility di limitare le perdite con Italgas, Hera e A2A che cedono circa mezzo punto percentuale mentre fuori dal listino principale Alerion, specializzata in energie verdi, rimbalza del 6%.

Andamento poco mosso per lo spread BTp/Bund che registra cali marginali rispetto alla vigilia, in una giornata che si è aperta con un calo dei rendimenti generalizzato per i bond dell’Eurozona. Al momento si attesta sui 210 punti base. L’attenzione verso il mercato obbligazionario è alta, dopo la chiusura con il botto del collocamento del sedicesimo BTp Italia (leggi qui per approfondire).

di: Maria Lucia PANUCCI

[:]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: