Sab, 26 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Bellezza, ridotta di un terzo l’attività di estetiste e parrucchieri

Lavorano in media due ore in più ma hanno 6 clienti in meno

Non se la passano bene acconciatori e estetiste che hanno perso un terzo delle loro attività a causa dell’emergenza data dal Covid-19. E’ questa la fotografia scattata dal Centro studi Cna in collaborazione con Cna Benessere e sanità che evidenzia come si sia ridotto notevolmente il lavoro per molti esperti della bellezza. In pratica stanno al salone due ore in più al giorno ma hanno 6 clienti in meno.

Ed i prezzi c’entrano poco. Nonostante infatti sono stati i primi a dover chiudere e gli ultimi a poter riaprire bottega, non hanno fatto pesare sulla propria clientela gli oneri sostenuti per le spese straordinarie e soprattutto le difficoltà economiche dovute da un fermo lungo tre mesi. Secondo lo studio, meno di un quarto delle imprese intervistate ha incrementato i prezzi e mediamente, appena dell’1,5%. Un’inezia rispetto ai costi che saloni e centri estetici hanno dovuto sopportare, che riguardano sia quelli per l’igiene e la sicurezza, con rincari superiori al 10%, ma anche quelli legati ai prodotti standard, come shampoo e smalti. Quasi un’impresa su due (44%) lamenta tali aumenti anche se la spesa è cresciuta in questi casi solo del 5%. Ma forse la voce più salata ha riguardato l’adeguamento dei locali alle nuove norme, necessario per il 70% delle imprese. Di queste, per il 47% è costato nell’ordine dei 500 euro, per il 34% tra i 500 e i mille euro. Complessivamente, le spese per la messa in sicurezza dei locali, per la igienizzazione degli stessi e per i dispositivi di protezione individuale hanno prodotto un aggravio dei costi mensili calcolato intorno al 30%. Quasi il 90% delle imprese, però, continua a offrire gratuitamente alla clientela mascherine e guanti.

Estetisti e acconciatori lavorano di più, mediamente due ore, rispetto al periodo pre-Coronavirus, ma non perché hanno più richiesta. Semplicemente perché serve più tempo per gestire un singolo cliente, per informarlo sulle norme da rispettare all’interno dei locali, per prepararlo con i necessari dpi, per compilare l’elenco presenze. Se prima nei centri estetici e nei saloni entravano mediamente 18 clienti ogni giorno, oggi ne entrano solo 12.

di: Maria Lucia PANUCCI

LEGGI ANCHE: Coldiretti, aumentano di oltre un milione i poveri per colpa del Coronavirus

Ti potrebbe interessare anche:

G7, Gualtieri si mostra ottimista: “I dati sanitari ed economici italiani sono incoraggianti”
“Diamo supporto ai Paesi più poveri per proseguire il sostegno all’economia” «Al G7 i …
Prometeia, il Pil tornerà ai livelli pre-Covid solo nel 2023
Il 2020 si chiuderà con un -9,6%, l’anno prossimo la ripresa segnerà +6,2% e …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: