Sab, 26 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Ikea restituisce i soldi dati dai Governi di 9 Paesi. “Grazie non ne abbiamo più bisogno”

Il gigante del mobile aveva previsto una contrazione del business del 70-80% allʼinizio della crisi ma con le riaperture a maggio la domanda è stata maggiore del previsto”

Ikea ha deciso di restituire i soldi ricevuti da otto Paesi europei e dagli Stati Uniti durante il picco della pandemia. Ecco a voi una storia positiva, di onestà. Il gigante del mobile aveva previsto una contrazione del business del 70-80% allʼinizio della crisi ma poi, con la riapertura di tutti i suoi punti vendita a maggio, la domanda di articoli per la casa è stata maggiore del previsto e quindi i sussidi ricevuti sono stati restituiti. “Ora che ne sappiamo di più rispetto a febbraio o marzo, abbiamo deciso che la cosa giusta fosse dire: ‘Grazie, ci avete aiutato in questo periodo difficile e ora vi rendiamo la cortesia‘”, ha dichiarato Tolga Oncu, retail operations manager di Ingka Groupal Financial Times.

I magnanimi sono stati Belgio, Croazia, Repubblica Ceca, Irlanda, Portogallo, Romania, Serbia, Spagna e Stati Uniti. Alcuni di loro sono stati rimborsati anche se non si sa né quali né con quale somma.

Nel pieno dell’emergenza sanitaria, il 90% dei negozi Ikea nel mondo aveva dovuto chiudere. “Tuttavia – ha precisato Oncu – quando la nebbia ha iniziato a diradarsi abbiamo visto che la crisi non è stata così grave come temevamo e che non sarebbe durata tanto a lungo quanto avevamo preventivato. Per questo restituire i sussidi era la cosa giusta da fare. È importante per noi mantenere buone relazioni con le società e le comunità alle quali siamo vicini“.

di: Maria Lucia PANUCCI

Ti potrebbe interessare anche:

G7, Gualtieri si mostra ottimista: “I dati sanitari ed economici italiani sono incoraggianti”
“Diamo supporto ai Paesi più poveri per proseguire il sostegno all’economia” «Al G7 i …
Prometeia, il Pil tornerà ai livelli pre-Covid solo nel 2023
Il 2020 si chiuderà con un -9,6%, l’anno prossimo la ripresa segnerà +6,2% e …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: