Sab, 26 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Casa, cambiano le esigenze degli italiani dopo il Coronavirus

Ora le richieste sono due: immobili più grandi e più indipendenti

Nell’era della pandemia cambiano le esigenze degli italiani in fatto di casa. Secondo il report sui Big Data immobiliari post Covid, realizzato da Immobiliare.it e Realitycs, il Coronavirus ha fatto venire voglia alle persone di abitare in case più grandi e soprattutto più indipendenti.

Il 2020 del mercato immobiliare è partito sotto i migliori auspisci: a gennaio le ricerche di acquisto di immobili residenziali salvate sul portale erano, infatti, più che raddoppiate rispetto allo stesso periodo del 2019 (+105%) e quelle di locazione segnavano un incoraggiante +61%. Il lockdown è stato il grande spartiacque, con il mese di marzo nel pieno delle misure di contenimento del virus che è stato senza dubbio il mese più nero. Una certa ripresa c’è stata invece a maggio che ha segnato il ritorno ai volumi del pre-Covid-19.

Ebbene, dal rapporto emerge che gli italiani sognano una casa più grande rispetto che in passato. Indipendentemente dall’interesse a comprare o affittare, le ricerche dimostrano come dopo la quarantena il numero di locali rappresenti un filtro sempre più ricorrente e importante per gli utenti, in aumento del 5,5% rispetto a gennaio scorso.

Cresce anche la voglia di una maggiore indipendenza e questo vale sia per la locazione che quando si tratta di comprare. Vanno per la maggiore gli attici, le ville ed i rustici, quel paradiso di campagna lontano dalla città. E per ottenere questo gli italiani sono disposti a spendere di più.

di: Maria Lucia PANUCCI

LEGGI ANCHE: Mutuo casa, a maggio mai tassi così bassi dal 2007

Ti potrebbe interessare anche:

G7, Gualtieri si mostra ottimista: “I dati sanitari ed economici italiani sono incoraggianti”
“Diamo supporto ai Paesi più poveri per proseguire il sostegno all’economia” «Al G7 i …
Prometeia, il Pil tornerà ai livelli pre-Covid solo nel 2023
Il 2020 si chiuderà con un -9,6%, l’anno prossimo la ripresa segnerà +6,2% e …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: