Dom, 27 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Pil, L’Ocse attenua le sue previsioni ma di poco e la situazione per quest’anno rimane critica

L’ente parigino raccomanda a Governi e Banche centrali di mantenere la linea espansiva delle rispettive politiche di Bilancio e monetarie

Quest’anno il crollo del Pil totale non sarà dell’11,3% ma del 10,5%. L’OCSE ha leggermente attenuato le sue previsioni sugli effetti della pandemia ma resta un pesantissimo bilancio. Il dato infatti è solo di 0,8 punti migliore rispetto a quanto indicato a giugno scorso.

Più pessimiste le stime sul rimbalzo del 2021: ora il dato è stato ritoccato al ribasso di 2,3 punti ed il recupero è previsto al 5,4%.

Entrando nel dettaglio dei vari Paesi sulla Germania, nell’Economic Outlook di interim, è previsto un meno 5,4% sul 2020 (+1,2 punti) e un più 4,65% nel 2021 (-1,2), sulla Francia meno 9,5% quest’anno (+1,9) e più 5,8% nel 2021 (-1,9). Sugli Usa è stimato un meno 3,8% del Pil (ben +3,5 punti da giugno) e un più 4% nel 2021 (-0,1). La Cina continua ad essere l’unica tra le economie del G20 elencate su cui si preveda comunque una crescita sul 2020, un ridotto 1,8% cui seguirà un più 8% nel 2021. Il dato peggiore invece riguarda il Sud Africa dove il prodotto interno lordo cadrà dell’11,5% quest’anno.

In questo quadro nero l’OCSE raccomanda a Governi e Banche centrali di mantenere la linea espansiva delle rispettive politiche di Bilancio e monetarie, “per preservare la fiducia e limitare l’incertezza“. L’obiettivo deve essere evitare strette premature delle politiche in una fase in cui le economie restano fragili.

di: Maria Lucia PANUCCI

Ti potrebbe interessare anche:

Streaming e moda: Twitch conquista la passerella
La piattaforma di livestreaming nata con gli eSports si apre a nuovi …
Singapore, arriva il distributore di giochi da tavolo
Si inserisce il denaro e si attende l’erogazione: in vendita 18 giochi …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: