Sab, 31 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Lavoro, 7 aziende su 10 confermano lo smart working

La flessibilità testata durante il lockdown regge: il 68% dei direttori del personale sceglie il lavoro da remoto

Secondo l’Associazione dei direttori del personale (Aidp) lo smart working è una realtà destinata a durare. L’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus ha costretto migliaia di persone a rimanere a casa e l’urgenza di coprire i posti lavorativi vacanti ha spinto a toccare con mano le potenzialità del lavoro a distanza.

I maggiori vantaggi riguardano il risparmio di tempo e i costi di spostamento per i lavoratori, maggiore soddisfazione personale dovuta a un miglioramento generale della vita e all’aumento della responsabilità individuale. Esistono anche degli svantaggi, seppur in percentuale ridotta: la perdita delle relazioni sociali, la mancanza di separazione tra ambiente domestico e lavorativo e il rischio tangibile di un sovraccarico di lavoro.

Tuttavia oltre il 68% dei direttori del personale ha dichiarato che prolungherà le attività di smart working anche al termine della pandemia. E per il 58% degli intervistati il lavoro a distanza proseguirà anche nel 2021.

Moltissime anche le aziende che scelgono lo smart working “parziale”: oltre il 70% infatti assegna alcuni giorni della settimana, tra i due e i tre, a questa modalità lavorativa.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Licenziamenti, la spuntano i sindacati. Conte: “Il blocco sarà prolungato fino a fine marzo”
Catalfo: "Già dalla prossima settimana avvierò il confronto con le parti sociali per la …
Alitalia, la Corte dei Conti registra il decreto di costituzione della newco
La prossima settimana il primo CdA Si terrà la prossima settimana la prima …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: