Ven, 17 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Russia, la Banca centrale lascia i tassi invariati al 4,25% ma non esclude tagli nelle prossime riunioni

Secondo le sue stime l’economia locale si contrarrà nel 2020 tra il 4 e il 5% ma si riprenderà nel 2021

La Banca centrale della Russia ha deciso di lasciare i tassi di interesse di riferimento fermi al 4,25%, così come prevedevano gli analisti, ma non escluse possibili tagli nei prossimi mesi. «La situazione epidemiologica a livello globale e in Russia sta peggiorando – precisa l’istituto. – La situazione sui mercati finanziari resta quindi vulnerabile. Ci si aspetta che una maggiore volatilità persista nel prossimo futuro, anche alla luce di fattori geopolitici».

Secondo le sue stime, l’economia russa si contrarrà nel 2020 tra il 4 e il 5%, un dato leggermente inferiore rispetto alle stime di luglio.

Per il 2021 le previsioni parlano di una ripresa con una crescita stimata tra il 3 e il 4%, mentre nel 2022-2023 si prevede che il Pil aumenterà rispettivamente del 2,5-3,5% e del 2-3%.

Il board della Banca centrale della Russia terrà la sua prossima riunione il 18 dicembre.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: AGI

Ti potrebbe interessare anche:

Investimenti Usa, Invesco verso la fusione con l’unità di asset management di State Street
Le due entità hanno un forte posizione nel mercato degli Etf Invesco, …
Caro bollette, il governo francese corre ai ripari: 100 euro a quasi 6 milioni di famiglie
Il sostegno si aggiungerà all’assegno energia di cui usufruiscono già le famiglie …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: