Dom, 26 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Whirpool, è ufficiale: il sito di Napoli chiude domani. Esplode la rabbia dei lavoratori

Conte ai dipendenti: “Faremo qualsiasi cosa. Il Governo è al vostro fianco”

Dal primo novembre stop alla produzione nello stabilimento Whirlpool di Napoli. La conferma è arrivata con una lettera ai dipendenti da parte della Direzione aziendale. Nella missiva viene comunicata “la cessazione di tutte le attività produttive presso lo stabilimento di Napoli, con effetto alle ore 00:01 del primo novembre 2020. Da tale momento i dipendenti saranno esentati dal rendere la propria prestazione lavorativa presso il sito, fermo restando il mantenimento del rapporto di lavoro. Con effetto dal primo novembre, l’azienda pagherà la piena retribuzione ai dipendenti fino al 31 dicembre 2020 con riserva di ulteriori valutazioni successive a tale data“.

Esplode intanto la rabbia dei lavoratori che si dicono pronti a continuare a lottare finché ce ne sarà bisogno. «Ancora non conosciamo le motivazioni che spingono Whirlpool a chiudere Napoli. Ci sentiamo traditi, noi non molliamo – spiegano. – Il Governo non può limitarsi a dire che il board americano non è disponibile a trovare soluzione per Napoli. Non può dirsi impotente. Chiediamo al Governo di dire come pensa di far rispettare sovranità nazionale. Le lavoratrici e i lavoratori faranno tutto quello che è nelle loro possibilità. Noi quella fabbrica non la molliamo».

Parla di chiusura “ingiustificata” la leader della Fiom, Francesca Re David, sottolineando che “la rabbia dei lavoratori è altissima“. Le fa eco il leader della Uilm, Rocco Palombella: «Il Governo deve impugnare e far rispettare a tutti i costi l’accordo del 2018 firmato al MiSE da Whirlpool coinvolgendo ogni sede istituzionale europea e mondiale. La chiusura di Napoli potrebbe rappresentare l’inizio di una vera epidemia di licenziamenti».

Intanto è in corso l’incontro in videoconferenza tra i sindacati ed il premier Conte che si sarebbe detto dalla parte dei lavoratori. «Il Governo non può rimanere indifferente a questo disimpegno dell’azienda. Terremo duro su questa vertenza – ha detto da Palazzo Chigi. – Il Governo è disponibile a fare qualsiasi cosa, siamo al vostro fianco, non potete dubitare di questo. Massima garanzia che il governo è al vostro fianco».

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Germania, l’economia sotto Angela Merkel
Ecco come si è mossa la Germania nei 16 anni di Governo …
Alitalia, paga solo 50% stipendi
Il resto arriva dopo gara marchio I commissari Gabriele Fava, Giuseppe Leogrande …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: