Gio, 17 Giugno
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Cassa integrazione, ecco quanto costa alle aziende

L’accesso agli ammortizzatori sociali ha un peso di migliaia di euro

Il prolungamento del divieto di licenziamento fino al 31 genaio 2021, se da un lato ha tutelato i lavoratori, dall’altro ha messo in una posizione potenzialmente difficile le imprese: infatti benché il divieto sia stato compensato con l’accesso alla cassa integrazione, non è corretto dire che questo ammortizzatore sia totalmente gratuito.

Tra le voci di spesa c’è il trattamento di fine rapporto, che continua a maturare per la totale durata della sospensione: nel settore metalmeccanico il costo medio mensile varia da 120,64 euro per il lavoratore inquadrato al terzo livello fino a 144,47 euro per il dipendente inquadranto al quinto livello superiore. Nel settore del commercio, si passa da 132,83 euro per gli impiegati di terzo livello fino a 166,52 euro per i responsabili di primo livello.

Un’altra voce di spesa è quella del c.d. ticket di licenziamento, perché l’anzianità di servizio non si sospende nel periodo di cassa integrazione e quindi tutti gli istituti collegati come la maturazione delle ferie e gli scatti di anzianità continuano a produrre effetti.

Ulteriori spese derivano dai costi mensili per i contributi per ammortizzatori sociali, e dai costi che derivano dagli istituti compresi nei principali contratti collettivi, come i contributi ai fondi sanitari o agli enti bilaterali.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Libri, è boom di vendite. Nei primi cinque mesi del 2021 +23% rispetto al 2019
La lettura continua a essere uno degli svaghi preferiti dagli italiani. Il …
Pagamenti digitali: al via la fusione tra Nexi e Nets
L'obiettivo è dar vita ad una paytech leader in Europa. A guidare …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: