Mer, 25 Novembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Calcio, nel mirino dell’Antitrust 9 società di Serie A

Si tratta di Atalanta, Cagliari, Genoa, Inter, Milan, Lazio, Juve, Roma e Udinese. Lesi i diritti dei consumatori nelle possibilità di ottenere i rimborsi dei biglietti

Rimborsi difficili per chi aveva acquistato biglietti e abbonamenti. Anche il calcio è finito nel mirino dell’Antitrust. L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha accertato l’esistenza di clausole vessatorie nell’acquisto dell’abbonamento annuale e del biglietto per la singola partita di 9 società di Serie A. Si tratta in particolare di Atalanta, Cagliari, Genoa,  Inter, Lazio, Milan, Juventus, Roma e Udinese.

Nel dettaglio per Atalanta, Genoa, Inter, Roma, Juventus e Lazio l’Autorità ha accertato la vessatorietà di alcune  clausole contenute nelle condizioni contrattuali relative all’acquisto dell’abbonamento annuale e del biglietto per la singola partita in quanto non viene riconosciuto il diritto dei consumatori a: ottenere il rimborso di quota parte dell’abbonamento o del singolo titolo di accesso in caso di chiusura dello stadio o di parte dello stesso; ottenere il rimborso del titolo di accesso per la singola gara in caso di rinvio dell’evento causato sia da fatti imputabili alla società, sia da circostanze che prescindono dalla responsabilità di quest’ultima; essere risarciti del danno qualora questi eventi siano direttamente imputabili alla società.

La Società Cagliari Calcio S.p.A. ha già predisposto una nuova formulazione delle clausole idonea a risolvere i profili di vessatorietà contestati limitatamente ad alcuni profili. Tuttavia, il giudizio dell’Antitrust permane per le clausole che escludono il rimborso del titolo di accesso in ipotesi diverse dall’inadempimento colpevole della società.

Per quanto riguarda invece le società A.C. Milan S.p.A. e Udinese Calcio S.p.A., l’Autorità ha accertato sia la vessatorietà delle clausole oggetto del procedimento sia la rimozione dei profili vessatori nelle nuove versioni delle condizioni contrattuali adottate dopo le comunicazioni di avvio dei procedimenti.

Ora l’Antitrust ha disposto che venga pubblicato un estratto dei provvedimenti sulla homepage dei siti web delle 9 società per 30 giorni consecutivi.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Bollette: ecco i trucchi per risparmiare
L'analisi di Facile.it sulle abitudini dispendiose degli italiani Tagliare i consumi è …
Natale, Conte: “coordinamento con l’UE”
L'Unione cerca un accordo per uniformare le misure restrittive dei Paesi membri …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: