Mer, 02 Dicembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Mercato del lusso, la Cina sarà il primo mercato entro il 2025

Un successo dovuto anche ai canali di vendita online e agli acquisti locali

Secondo la società di consulenza Bain & Company entro il 2025 la Cina sarà il primo mercato del lusso a livello mondiale. Le stime prevedono un aumento del 44% a 44 miliardi di euro: un dato significativo soprattutto se rapportato a quello relativo al mercato globale, per il quale si prevede una contrazione del 23% a 217 miliardi di euro.

Le motivazioni dietro questa crescita sono diverse, ma su tutte influisce la pandemia da coronavirus. La Cina è stato il primo Paese a uscire dall’emergenza, e questo ha influito positivamente sull’economia che ha ripreso a circolare, ma soprattutto a causa dei fermi imposti a livello internazionale il mercato domestico cinese ha subito una forte crescita e nonostante il perdurare delle forme di distanziamento sociale i consumatori hanno aumentato le spese destinate a gioielli, cibo gourmet e vini pregiati.

I beni di lusso, nel pre-pandemia, venivano acquistati soprattutto durante viaggi internazionali in Europa o negli Stati Uniti. Con il dilagare del coronavirus, il turismo ha subito un netto fermo. «L’immediata conseguenza è stata l’interruzione dei viaggi – ha spiegato Federica Levato, partner nel verticale del lusso di Bain11 mesi senza andare da nessuna parte, con il risultato che i consumi interni sono lievitati a dismisura».

La pandemia ha sicuramente accelerato alcuni trend, come l’eCommerce e la crescita dei mercati locali, che potrebbero comportare una ripresa meno lenta del previsto, di cui si è avuto un anticipo nel terzo trimestre anche in Europa e Usa. «Ora ci troviamo in una situazione a due velocità – ha concluso Levato – la Cina continua ad accelerare mentre Europa e Usa sono alle prese con la seconda ondata e le incertezze politiche e sociali».

Secondo gli esperti alla luce di tutto questo, il recupero del settore del lusso a livello globale non sarà possibile prima della fine del 2022 o addirittura l’inizio del 2023.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA/EPA

Ti potrebbe interessare anche:

Banche, rapine in calo: -56,4% dal 2019
Nessun colpo in Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Molise e Valle d’Aosta Calano …
Moody’s, l’outlook rimane negativo per tutte banche europee nel 2021
Tutto questo a causa dell'effetto Covid su ripresa economica, redditività e qualità …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: