Mer, 25 Novembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Unioncamere, due terzi di negozi e ristoratori dichiarano riduzioni di fatturato

Un dato peggiore rispetto alle imprese industriali e dei servizi

Un’indagine svolta da Unioncamere nel mese di ottobre mette in luce la situazione economica attuale per le imprese commerciali, di somministrazione, e industriali.

Secondo quanto emerso, due terzi tra negozi, bar e ristoranti hanno dichiarato per il 2020 un calo di fatturato: un dato decisamente peggiore rispetto al 55% di imprese industriali che dimostra di aver avuto riduzioni.

Vi sono tuttavia dei dati positivi: il 29% delle imprese, sia nel campo commerciale sia in quello della somministrazione, che dichiara una stazionarietà delle vendite, mentre un 8% dichiara di aver avuto un incremento di fatturato. Un fortunato 15% ha dichiarato di non aver mai avuto un calo di livello produttivo a causa del coronavirus.

Rimane forte l’incertezza per il futuro: il 27% degli intervistati ha dichiarato che ritiene di poter recuperare i propri livelli produttivi a partire dal 2021, il 19% ritiene di poterlo fare nel 2022, il 6% solamente dal 2023 in avanti. Esiste però anche un 5% che pensa di non poter ritornare mai più ai livelli produttivi registrati prima dell’avvento della pandemia.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

LEGGI ANCHE: Covid, gli squilibri territoriali negli aiuti in Italia

LEGGI ANCHE: Covid, Cgia: “le risorse statali a vantaggio di chi aveva già ottenuto prestiti”

Ti potrebbe interessare anche:

Banche, salgono a 302 miliardi le domande per le moratorie
Superano quota 107 miliardi di euro le richieste di garanzia per i …
Usa, si conferma il balzo record del Pil di +33,1% nel terzo trimestre
Nuovo incremento a sorpresa delle richieste di sussidi di disoccupazione: ora salgano …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: