Dom, 17 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Avvio debole per le Borse europee con Wall Street a mezzo servizio. Piazza Affari in leggero rialzo

Il Pil francese è cresciuto al ritmo del 18,7% nel terzo trimestre, più del previsto. I profitti industriali della Cina sono saliti ad ottobre del 28,2% su base annua

Per le principali Borse europee l’ultima seduta della settimana è debole e con volumi ridotti per via delle festività negli Stati Uniti. Dopo lo stop di ieri per il giorno del Ringraziamento, oggi ci sarà la chiusura anticipata di Wall Street.

E così in avvio di scambi il Ftse 100 mostra un calo di circa lo 0,6%, mentre il Dax di Francoforte oscilla sulla linea della parità e il Cac40 cede lo 0,15%.

Piazza Affari apre invece poco sopra la parità con l’indice Ftse Mib che segna un rialzo dello 0,30% in area 22.260 punti. Tra i titoli, in evidenza DiaSorin che sale in testa al paniere principale di Piazza Affari con un progresso di quasi il 2%. Proseguono gli acquisti su Telecom Italia, in rialzo dell’1,6%, con gli investitori che continuano a guardare alla possibile accelerazione sul fronte rete unica. Sul fronte opposto invece, giù Pirelli che cede circa il 2%. Debole anche Eni, che scivola sotto la parità (-0,4%).

L’ottimismo sull’arrivo in tempi brevi di un vaccino anti-Covid ha lasciato il posto agli interrogativi dopo che AstraZeneca ha ammesso che è stato un errore di dosaggio ad aver permesso di raggiungere l’efficacia al 90% del suo principio attivo. Parole di ottimismo sono arrivate invece dalla cancelliera tedesca Angela Merkel la quale si è detta possibilista sul fatto che “i vaccini arrivino anche prima di Natale“, ma che all’inizio saranno messi a disposizione del personale sanitario.

Seduta positiva per l’Asia con il Nikkei che in chiusura segna un rialzo dello 0,4%, l’Hang Seng è a +0,54% e Shanghai a +1,05%, grazie ai buoni dati sulla produzione industriale cinese salita in ottobre del 28,2% su base annua.

Nel valutario il dolalro si indebolisce contro le principali valute: l’euro/dollaro è a 1.192, +0,09%, il dollaro/yen a 104,03, -0,22% e il cross sterlina/dollaro a 1,336, +0,05%. Tra le commodity, il petrolio ha un andamento a due velocità: il Wti è in calo dell’1,53% a 45,01 dollari al barile, mentre il Brent è in aumento dello 0,04% a 47,82 dollari al barile. L’oro tratta a 1.811 dollari l’oncia, +0,033%.

Sul fronte macro l’economia francese è rimbalzata nel terzo trimestre più del previsto. Nella lettura finale il Pil è cresciuto al ritmo del 18,7% rispetto al precedente 18,2% della precedente lettura e del consensus Bloomberg. Poi più tardi l’Italia pubblicherà la fiducia delle imprese manifatturiere e dei consumatori di novembre e i prezzi alla produzione di ottobre, mentre dalla zona euro arriverà l’indice di fiducia economica di novembre con i sotto indici dei consumatori, dei servizi e delle imprese.

di: Maria Lucia PANUCCI

Ti potrebbe interessare anche:

Sky e Mediaset puntano alla Champions
Dopo Amazon, le due emittenti si aggiudicano i pacchetti dei diritti audiovisivi …
Deliveroo guarda alla Borsa dopo il nuovo finanziamento
Durable Capital Partners e Fidelity Management & Research Company hanno chiuso il …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: