Gio, 28 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Manovra, niente patrimoniale. Ritirati gli emendamenti

Due le proposte in campo tra cui un contributo di solidarietà a carico dei contribuenti con una ricchezza netta superiore a 1,5 milioni di euro

Sono stati ritirati gli emendamenti alla Manovra per introdurre una patrimoniale. Lo ha comunicato in commissione Bilancio alla Camera il deputato di Leu, Luca Pastorino.

L’emendamento, che aveva come primi firmatari Nicola Fratoianni (Leu) e Matteo Orfini (Pd), chiedeva l’abolizione dell’Imu e dell’imposta di bollo sui conti correnti e di deposito titoli, per sostituirle con un’aliquota progressiva minima dello 0,2% “sui grandi patrimoni la cui base imponibile è costituita da una ricchezza netta superiore a 500 mila euro“.

Non solo. L’altra proposta, che aveva come primo firmatario Federico Fornaro (Leu), avrebbe istituito per il solo anno 2021, un “contributo di solidarietà” a carico dei contribuenti con una ricchezza netta superiore a 1,5 milioni di euro, escludendo dal calcolo l’abitazione principale. L’aliquota prevista era dell’1% da versare entro il 30 novembre 2021.

L’emendamento alla Manovra, che includeva appunto la patrimoniale, aveva ricevuto una sonora bocciatura dalla Commissione Bilancio della Camera e poi era sto riammesso al voto (leggi qui).

di: Maria Lucia PANUCCI

Ti potrebbe interessare anche:

Banche, boom di nuovi clienti per N26. Nel 2020 raggiunta la quota di due milioni
I volumi delle transazioni raggiungono i massimi storici, pari a oltre 5,5 …
Il Covid non allenta la sua morsa: nuove strette in Europa
Nel Regno Unito i residenti potranno effettuare viaggi fuori dal Paese solo …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: