Mer, 27 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Saipem, siglato il contratto con la Marina Militare Italiana

La Difesa ha acquistato il sistema di soccorso subacqueo per i sommergibili

Saipem ha firmato un contratto con la Direzione degli Armamenti Navali del Segretariato Generale della Difesa, tramite cui la Marina Militare Italiana è entrata in possesso del sistema di soccorso subacqueo che l’azienda ha ideato insieme a Drass, e che verrà utilizzato come dotazione specialistica della nuova nave denominata SDO-SuRs, Special Diving Operations – Submarine Rescue System, per operazioni subacquee e di soccorso di sommergibili.

Il sistema funziona tramite un veicolo sottomarino a controllo remoto, di proprietà di Saipem, unito a una capsula di salvataggio di produzione di Drass. Il veicolo, denominato ROV, è di ultima generazione è permette la navigazione e il controllo, mentre tramite la capsula si possono portare in superficie i sommergibili con un habitat controllato e in totale sicurezza.

«Siamo orgogliosi di questa collaborazione – ha detto Stefano Porcari, COO della Dvisione E&C Offshore di Saipem questo accordo concretizza un’interessante opportunità di fornire, anche al mercato militare, prodotti e servizi ad altissimo contenuto tecnologico sviluppati da Saipem nella realizzazione di impianti energetici subsea». Sonsub, il centro di eccellenza di Saipem con sede a Marghera, Venezia, si è occupato dell’ingegnerizzazione dei ROV, dei sottosistemi di controllo e dei dispositivi di automazione. Drass invece, che ha sede a Livorno, si è occupata di concepire i sistemi di intervento e soccorso di superficie, ma anche di modularli e integrarli sulle navi di soccorso.

«La storica collaborazione di Drass con la Marina Militare Italiana si arricchisce della sinergia con Saipem – è stato il commento di Sergio Cappelletti, Managing Director di Drassla traiettoria tecnologica che Drass sta percorrendo individua il soccorso sommergibili come un tassello di un’ampia capacità di intervento sottomarino, non limitata al militare ma con campi di applicazione che spaziano dall’industria alla ricerca fino al supporto dell’ecosostenibilità dell’ambiente marino».

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

LEGGI ANCHE: Saipem vince la gara in Israele e costruisce un impianto di produzione di ammoniaca

Ti potrebbe interessare anche:

Ue, dagli accordi di libero scambio boom di incassi per l’agroalimentare
Entro il 2030 le cinque intese concluse da Bruxelles porteranno a un …
Unicredit, Andrea Orcel è il nuovo ceo. Il cda ha votato all’unanimità
Si è sciolto il nodo per il posto vacante di Mustier. Padoan: …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: