Mer, 27 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Trasporto aereo, IATA lancia l’allarme: “Non si tornerà ai livelli pre-Covid prima del 2024”

Tutto dipenderà dell’avanzamento della campagna di vaccinazione. In Europa la ripresa sarà più lenta

La ripresa del trasporto aereo sarà lenta e non si tornerà ai livelli pre-Covid prima del 2024. A dirlo è la IATA, secondo cui i ricavi delle compagnie sono crollati da 838 a 328 miliardi di dollari nel 2020 e senza i 173 miliardi di dollari di sostegno finanziario da parte dei Governi, gran parte dei vettori avrebbe dichiarato fallimento.

A consuntivo, nel 2020 hanno viaggiato 1,8 miliardi di passeggeri, con una riduzione del 61% rispetto ai 4,5 miliardi del 2019 ed un calo di fatturato per biglietti venduti da 612 a 191 miliardi di dollari nell’ultimo anno.

Meglio il 2021. IATA prevede un miliardo di passeggeri in più e stima che le entrate dovrebbero crescere fino a 459 miliardi di dollari, attestandosi a -45% rispetto al 2019.

A sostenere la ripresa saranno i mercati nazionali, mentre su scala internazionale i primi a riguadagnare posizioni saranno i vettori asiatici e dell’area del Pacifico. In Europa invece la ripresa sarà più lenta ed attesa nella seconda parte del 2021, a campagna di vaccinazione avanzata.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Fed, prima uscita dell’era Biden: confermato supporto, tassi invariati
La banca centrale americana ha concluso il meeting sulla politica monetaria Come …
Fincantieri, fallisce la fusione con Stx: “il contesto non lo permette”
L'annuncio arriva da un comunicato congiunto italiano e francese La fusione tra …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: