Mer, 27 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

I primi effetti della Brexit: ritardi nei supermercati e blocchi doganali

L’allarme dalla provincia irlandese dell’Ulster per gli scaffali vuoti

La Brexit è diventata realtà e, nonostante sia stato raggiunto in extremis l’accordo tra Unione Europea e Regno Unito (leggi qui), i primi effetti della separazione cominciano a manifestarsi e minacciano di diventare sempre più pressanti a causa soprattutto della burocrazia e dei cambiamenti strutturali.

Nelle scorse ore molti prodotti sono rimasti bloccati alle dogane: in Francia sono stati fermati quintali di frutti di mare, in Olanda sono stati confiscati sandwich al prosciutto e sulle banane provenienti dal Ghana sono state applicate delle tariffe extra, secondo quanto riportato da Ansa. Non si sono ancora verificati ingorghi nella Manica, ma i ritardi stanno causando apprensione ai supermercati, che hanno scaffali vuoti per metà e che non possono garantire l’approvvigionamento della merce che arriva dall’estero in generale e dall’Europa in particolare.

Secondo quanto riportato dal Daily Mail tra i prodotti che iniziano a scarseggiare ci sono verdura e frutta fresca, generalmente importate dall’Europa. Molto preoccupata la provincia irlandese dell’Uster, che è stata tra le prime a risentire delle difficoltà.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Fed, prima uscita dell’era Biden: confermato supporto, tassi invariati
La banca centrale americana ha concluso il meeting sulla politica monetaria. Powell: …
Usa, a Manhattan in vendita uno degli ultimi palazzi dell’età dell’oro
Il prezzo di vendita è fissato a 52 milioni di dollari. Si …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: