Gio, 28 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Banche, le domande di adesione alle moratorie sui prestiti salgono a 300 miliardi

Sopra i 129 miliardi le richieste al Fondo di Garanzia per le PMI. Dalla Sace concesse garanzie per 20,8 miliardi

Sono più di 2,7 milioni le domande di adesione alle moratorie sui prestiti per un valore di circa 300 miliardi di euro mentre superano quota 129,5 miliardi le richieste di garanzia per i nuovi finanziamenti bancari per le micro, piccole e medie imprese presentati al Fondo di Garanzia per le PMI. Attraverso Garanzia Italia di Sace sono state concesse garanzie per 20,8 miliardi di euro, per un totale di 1.410 operazioni. Lo rileva la task force creata per promuovere l’attuazione delle misure a sostegno della liquidità adottate dal Governo per affrontare l’emergenza Coronavirus, di cui fanno parte i ministeri dell’economia e dello sviluppo economico, la Banca d’Italia, l’Abi, il Mediocredito Centrale e la Sace.

Entrando nel dettaglio le domande provenienti da società non finanziarie rappresentano il 43% del totale, a fronte di prestiti per 192 miliardi. Per quanto riguarda le PMI le richieste hanno riguardato prestiti e linee di credito per 153 miliardi. Le 62 mila adesioni alla moratoria promossa dall’ABI hanno riguardato 18 miliardi di finanziamenti alle imprese.

Le domande delle famiglie hanno riguardato prestiti per 96 miliardi di euro. Le banche hanno ricevuto oltre 206 mila domande di sospensione delle rate del mutuo sulla prima casa con accesso al Fondo Gasparrini per un importo medio pari a circa 94 mila euro. Le moratorie dell’ABI e dell’Assofin rivolte alle famiglie hanno raccolto 571 mila adesioni, per circa 27 miliardi di prestiti.

di: Maria Lucia PANUCCI

Ti potrebbe interessare anche:

Polizza, Poste Vita lancia Poste Domani Per Te
Si tratta di una nuova soluzione per permettere ai clienti di gestire …
Crisi di Governo, seconda giornata di consultazioni. Il clou arriva nel pomeriggio con Italia Viva e Pd da Mattarella
Il senatore di Forza Italia Luigi Vitali ci ripensa: non si unirà …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: