Sab, 27 Febbraio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Recovery Plan, secondo l’Istat possibile impatto di 2,3 punti sul Pil nel 2025

+275 mila occupati e una riduzione del tasso di disoccupazione di 0,7 punti percentuali

Una prima valutazione macroeconomica del possibile impatto addizionale del Piano nazionale di ripresa e resilienza indica che nel 2025 il Pil registrerebbe uno scostamento positivo di 2,3 punti rispetto allo scenario base. A dirlo è una simulazione compiuta dall’Istat e indicata nel corso dell’audizione alle Commissioni riunite Bilancio e Politiche dell’Unione europea del Senato, secondo cui l’aumento del Pil sarebbe associato anche ad un miglioramento dell’occupazione pari a circa 275 mila occupati in più e ad una riduzione del tasso di disoccupazione di 0,7 punti percentuali.

Inoltre secondo l’Istat l’aumento degli investimenti “determinerebbe sia il rialzo della loro quota sul Pil, che tornerebbe sopra il 19%, sia una loro ricomposizione a favore di quelli in beni intangibili, con positivi effetti sulla produttività del lavoro“. 

di: Maria Lucia PANUCCI

Ti potrebbe interessare anche:

Bonus bollette, gli sconti per le famiglie in difficoltà
I requisiti sono l'Isee non superiore a 20 mila euro e quattro …
Italia a zone, cambiano i colori: da lunedì Liguria in zona gialla, Sardegna in zona bianca
Arancione per Marche, Lombardia e Piemonte. Rosso per Molise e Basilicata. De …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: