Mer, 21 Aprile
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Covid, Confesercenti lancia l’allarme: “con le nuove zone rosse -80 milioni di consumi al giorno”

Nei primi quattro mesi dell’anno si arriveranno a perdere complessivamente 9,5 miliardi di euro. Di questo passo non si tornerà ai livelli pre-pandemia prima del 2024

Le nuove restrizioni costeranno all’economia italiana circa 80 milioni di euro di consumi al giorno. A lanciare l’allarme è Confesercenti, in occasione dell’avvio delle zone rosse che da oggi copriranno la maggior parte del territorio nazionale (guarda qui).

Secondo le stime nei primi quattro mesi dell’anno si arriveranno a perdere complessivamente 9,5 miliardi di euro di consumi delle famiglie. Di questi, oltre tre riguardano il commercio al dettaglio e oltre cinque i viaggi, l’ospitalità, fortemente danneggiati dal mancato turismo pasquale.

E di questo andazzo si potrà tornare ai livelli pre-pandemia solo tra tanto tempo. «Le dimensioni della crisi sono tali che i livelli di consumo pre-pandemia potranno ormai essere ripristinati solo nel 2024 – spiega Confesercenti. – In questo quadro, come abbiamo avuto già modo di sottolineare, la proroga ed il contestuale rafforzamento delle restrizioni fino a Pasqua costituiscono un nuovo, grave trauma per le imprese. Ed è particolarmente forte per quelle del terziario e del turismo, che si vedono privare dell’avvio della stagione della moda e dell’unico ponte della stagione primaverile. Se si considera che, dopo un anno di Stop & Go, ci sono circa 450mila imprese a rischio chiusura, ci sembra evidente che le restrizioni non siano una soluzione sostenibile a lungo termine dall’economia. Sicuramente non lo è in queste condizioni: sono più di tre mesi che siamo in attesa dei sostegni per le attività economiche ed i lavoratori, ma il provvedimento continua ad essere rinviato».

Ecco allora che servono misure di sostegno urgenti per non crollare del tutto e per affrontare i duri mesi che verranno. «Non c’è più tempo: servono urgentemente sostegni, non solo per coprire quello che si è perso nel 2020, e non ci è mai stato ristorato del tutto, ma anche per affrontare il 2021 che sarà un altro anno di forte crisi. Sostegni che devono essere rivolti a tutti, perché è inaccettabile parlare di selezionare le attività da salvare: le imprese oggi si trovano in difficoltà non per propria responsabilità o perché non riescono a stare sul mercato, ma perché non possono operare a causa di una scelta amministrativa dovuta all’emergenza sanitaria in corso», conclude l’associazione.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA/LUCA ZENNARO

Ti potrebbe interessare anche:

Bozza dl Covid: zona gialla, green pass e dal primo giugno sì ai ristoranti al chiuso
Arriva il green pass per gli spostamenti tra Regioni, domani in Cdm …
Bonus zanzariere, ecco come richiederlo
Con la detrazione si ha uno sconto per un importo pari al …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: