Mer, 28 Luglio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

ENEA, la povertà energetica tra il 2016 e il 2018 è cresciuta dello 0,1%

Il fenomeno ha colpito circa 40 mila famiglie in più

Secondo gli ultimi dati pubblicati da Enea per il Rapporto annuale dell’Osservatorio italiano sulla povertà energetica, Oipe, fra il 2016 e il 2018 questo fenomeno è aumentato fino a colpire 40 mila famiglie in più, lo 0,1% in più l’anno, che equivale all’8,8% a livello nazionale.

Le persone in povertà energetica sono coloro che hanno difficoltà ad acquistare un paniere minimo di beni e servizi energetici, secondo la definizione data dal Piano nazionale integrato per l’energia e il clima 2020, oppure coloro che si trovano in una condizione per cui l’accesso ai servizi energetici implica «una distrazione di risorse superiore a quanto socialmente accettabile, in termini di spesa o di reddito».

Le Regioni maggiormente influenzate dal fenomeno sono quelle nel sud Italia: Campania, Calabria e Sicilia sopra a tutti. Un altro fattore di rischio è l’ampiezza del nucleo famigliare, oppure l’età, perché i maggiori tassi di povertà energetica si riscontrano tra le famiglie in cui il componente di riferimento è molto giovane. Sfavorite le donne.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Deutsche bank, l’utile balza a 828 milioni nel secondo trimestre 2021
Il fatturato complessivo si è attestato a 6,2 miliardi di euro, in …
Microsoft, il bilancio trimestrale batte le attese: +47% per l’utile netto
Prevista al rialzo la guidance per tutto il 2021 Bilancio positivo per …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: