Mer, 21 Aprile
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

AstraZeneca, Ema: effetti collaterali rari, i benefici superano i rischi

La conferenza stampa dell’Agenzia europea del farmaco: non riscontrati nessi con l’età

Si è tenuta questo pomeriggio la conferenza stampa dell’Ema, Agenzia europea del farmaco, riguardo al caso AstraZeneca. È stato dichiarato che gli eventi rari di trombosi cerebrale sono effetti collaterali molto rari, e pertanto i benefici continuano a superare i rischi. «L’Ema sta lavorando a stretto contatto con le autorità competenti e le aziende in modo che i rischi correlati al vaccino vengano prontamente comunicati ai presidi, continueremo a monitorare. Quando milioni di persone ricevono un vaccino, casi straordinari possono capitare, ci mostrano che il nostro sistema di farmaco vigilanza funziona bene, questi casi ci hanno permesso di arrivare a consigliare un uso efficace e mirato per questo vaccino. Continueremo a lavorare su tutte le raccomandazioni per l’uso ottimale del vaccino, che dovrà tener conto della situazione pandemica».

Anche l’organo di controllo Prac, Comitato di farmacovigilanza, ha confermato quanto dichiarato dall’Ema: i rischi sono molto rari, l’efficacia di AstraZeneca è confermata. «Il PRAC ha osservato che i coaguli di sangue si sono verificati nelle vene del cervello (trombosi del seno venoso cerebrale, CVST) e dell’addome (trombosi della vena splancnica) e nelle arterie, insieme a bassi livelli di piastrine e talvolta sanguinamento».

La direttrice dell’Ema, Emer Cooke, ha dichiarato che non è stato mostrato un nesso con l’età tra gli eventi rari di trombosi e il vaccino.

di: Micaela FERRARO

FOTO: EPA/GEORGI LICOVSKI

Ti potrebbe interessare anche:

Bozza dl Covid: zona gialla, green pass e dal primo giugno sì ai ristoranti al chiuso
Arriva il green pass per gli spostamenti tra Regioni, domani in Cdm …
Bonus zanzariere, ecco come richiederlo
Con la detrazione si ha uno sconto per un importo pari al …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: