Lun, 12 Aprile
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Covid, c’è attesa per la valutazione dell’Ema sul vaccino AstraZeneca. In Italia la Gelmini assicura: “alcune aperture dal 20 aprile, poi soprattutto a maggio”

Sequestrate a Torino 6 mila confezioni di medicinali di origine cinese, tra cui farmaci venduti come anti-Covid. In Gran Bretagna al via la somministrazione di Moderna

E’ atteso per oggi alle 16 il parere dell’Ema sulla sicurezza del vaccino AstraZeneca dopo gli ultimi casi di trombosi riscontrati. E tra ritardi e tagli arriva però una buona notizia: oggi saranno distribuite alle Regioni 1,5 milioni di dosi Pfizer, il carico maggiore finora, che inaugura la prima consegna di vaccini del mese di aprile. La conferma arriva dagli uffici del commissario straordinario all’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo.

Guardando ai numeri tra le poche altre notizie positive in Italia c’è il superamento della soglia dei tre milioni di guariti. Oltre 3,5 milioni sono invece i vaccinati con due dosi, quasi 8 milioni quelli che hanno ricevuto almeno una dose.

Oltre 6 mila medicinali di origine cinese, tra cui farmaci venduti come anti-Covid, sono stati sequestrati dai carabinieri del Nas di Torino. Erano privi delle necessarie autorizzazioni di Aifa ed Ema. Le indagini erano partite a gennaio a seguito della scoperta, nel centro del capoluogo piemontese, di alcune decine di confezioni di medicinali cinesi all’interno di una rivendita al dettaglio di generi alimentari. I medicinali erano stoccati in una rivendita all’ingrosso con sedi tra Prato e la provincia di Firenze, di proprietà di un 50enne cinese che è stato denunciato.

In Italia comincia ad intravedersi la strada in fondo al tunnel. Secondo quanto riferito da Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari regionali e le autonomie le aperture ci saranno soprattutto da maggio, ma forse qualcosa si potrà riaprire già dal 20 aprile. Lo ha detto agli Stati generali del settore Matrimoni ed eventi privati organizzato da Unanime, confederazione che raccoglie le associazioni della filiera.

La Gran Bretagna ha iniziato a somministrare le prime dosi del vaccino Moderna, il terzo farmaco contro il Covid-19 autorizzato nel Paese. Mercoledì i pazienti del West Wales General Hospital hanno ricevuto il vaccino. Londra ha ordinato 17 milioni di dosi di Moderna, sufficienti per 8,5 milioni di persone.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: EPA/DAN HIMBRECHTS AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT

Ti potrebbe interessare anche:

Piano Transizione 4.0: ecco tutti gli incentivi per le pmi previsti fino al 2023
Il primo passo del Recovery Fund italiano con diversi misure dedicate al …
Fed, Powell: economia a punto di svolta ma rischi per il virus
Il presidente della Fed in un'anticipazione di intervista a Cbs In serata …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: