Ven, 07 Maggio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Smart working, un anno dopo: un lavoratore su due boccia il remoto

Il 40% dei lavoratori vuole tornare in presenza

Smart working sì, smart working no: secondo una ricerca condotta dalla Fondazione studi dei consulenti del lavoro, il risultato di questa domanda sta pian piano cambiando. Un lavoratore su due ha bocciato il lavoro da remoto, e il 40% vorrebbe tornare in presenza in ufficio.

Ciò che emerge dai risultati dell’analisi è che non c’è una via di mezzo: le valutazioni sono polarizzate tra chi è entusiasta e chi non ne può più. Il 16,1% degli intervistati afferma di essere soddisfatto, il 17,2% non è contento della situazione.

Scredita lo smart working soprattutto chi fa più fatica a organizzarsi con le attrezzature, la rete o i figli: inoltre, in molti hanno segnalato un nuovo senso di marginalizzazione rispetto alle dinamiche aziendali, una penalizzazione della carriera e una vera e propria disaffezione verso il lavoro.

Tirando le somme, quattro lavoratori su 10 sono contenti di tornare tutti i giorni in presenza. Il 43,5% invece non lo sarebbe, ma sarebbe disposto ad adattarsi alle nuove condizioni, mentre il 16,7% dichiara che lo smart working è un punto di non ritorno della propria vita professionale. Il 10,7% si dice pronto a cercare qualunque altro lavoro pur di continuare a lavorare da casa, il 4,5% sarebbe disposto a farsi abbassare lo stipendio e l’1,5% si dice pronto a dimettersi in caso di rientro in ufficio.

Chi ha sofferto di più lo smart working sono gli uomini, in termini relazionali e di carriera, questo benché il lavorare da casa li abbia portati, secondo le percentuali, a essere più produttivi e concentrati. Le donen invece, hanno sofferto l’allungamento dei tempi di lavoro e l’inadeguatezza degli spazi di lavoro casalinghi, evidenziando anche un maggior rischio di disaffezione rispetto al lavoro.

Per quanto riguarda le età, i più soddisfatti dello smart working sono i lavoratori tra i 35 e i 44 anni, il 58%, mentre nella fascia più alta la percentuale si abbassa al 48,6%, per arrivare al 47% tra gli over 55. Per gli under 35 lo smart working è il modello di lavoro ideale, perché ha permesso di conciliare maggiormente il lavoro con la vita privata e dare via a nuovi progetti di vita.

Infine, più felici di lavorare da casa sono i monogenitore e i single, mentre chi vive in coppia apprezza il lavoro da casa se è senza figli, per chi li ha il giudizio è peggiore.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA / MATTEO BAZZI

Ti potrebbe interessare anche:

Banco BPM, l’utile ammonta a 100 milioni nel primo trimestre 2021. I proventi sono ai massimi da fine 2018
Banco Bpm accelera nel processo di derisking: prevista cessione delle sofferenze per …
Lavoro, Save the Children denuncia: “nell’anno del Covid 96 mila mamme italiane lo hanno perso”
Quattro su cinque hanno figli con meno di cinque anni. Le Regioni più …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: