Gio, 24 Giugno
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Divorzio Gates: Melinda pensava alla separazione già dal 2019

Contattò gli avvocati dopo gli incontri del marito con Jeffrey Epstein arrestato per traffico sessuale di minorenni

Il divorzio annunciato nei giorni scorsi da Bill e Melinda Gates era già in incubazione da tempo (leggi qui). Lo scrive il Wall Street Journal, secondo cui la moglie del fondatore di Microsoft pare abbia cominciato a consultare avvocati divorzisti circa due anni fa, nell’ottobre 2019, quando divennero pubblici i ripetuti incontri di suo marito con Jeffrey Epstein, dopo l’arresto del controverso finanziere per traffico sessuale di minorenni.

Pare che a Melinda, impegnata nel promuovere i diritti delle donne, non fosse mai andato a genio. Bill e Melinda avrebbero incontrato Epstein per la prima volta nel 2013 e già allora la donna disse di non essere a suo agio in compagnia di quell’uomo ed avrebbe confidato agli amici che non voleva avere nulla a che fare con lui, già chiacchierato per le accuse di aver sfruttato sessualmente minorenni. Ma Bill non ha mai ascoltato le richieste della moglie ed ha continuato a frequentarlo, anche se ha sempre sostenuto di averlo fatto nell’ambito della sua attività filantropica, escludendo di aver partecipato ad incontri equivoci o a sfondo sessuale organizzati dal magnate. Pare che una volta sarebbe rimasto fino a tarda notte nella sua residenza di Manhattan. Secondo i documenti esaminati dal Wall Street Journal, Melinda Gates e i suoi avvocati avrebbero cominciato a lavorare sul divorzio da quel momento. 

I Gates avrebbero deciso di dividere il loro patrimonio, valutato almeno 130 miliardi di dollari e nei giorni scorsi Bill ha già trasferito a Melinda vari asset per un valore di quasi 2,4 miliardi di dollari.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO:  EPA/LUDOVIC MARIN / POOL MAXPPP OUT

Ti potrebbe interessare anche:

Poste Italiane, siglato il rinnovo del CCL per il personale non dirigente fino al 2023
Inaugurato il maxi hub da 300 mila pacchi al giorno a Landriano …
Fintech, Visa compra la piattaforma di open banking Tink per 1,8 mld
Visa è stata costretta a fare marcia indietro dall'accordo da 5,3 miliardi …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: