Mar, 22 Giugno
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Impresa, l’indagine Svimez avverte: 73.200 rischiano di chiudere

La metà di queste sono al Centro ed al Sud. Molte peccano di innovazione

73.200 imprese italiane rischiano di chiudere. Si tratta del 15% del totale, di cui quasi 20 mila nel Mezzogiorno (19.900) e 17.500 al Centro. Sono realtà molto variegate che hanno tra i cinque ed i 499 addetti. E’ quanto emerge dall’indagine Svimez-Centro Studi delle Camere di Commercio Guglielmo Tagliacarne-Unioncamere secondo cui una quota quasi doppia riguarda le imprese dei servizi (17%), rispetto alla manifattura (9%).

Quasi la metà (48%) delle imprese italiane è fragile: non innovative, non digitalizzate e non esportatrici. Al Sud questa quota arriva al 55%, a quasi il 50% al Centro, al 46% ed al 41% rispettivamente nel Nord-Ovest e nel Nord-Est. L’incidenza è ancor più intensa nel settore dei servizi, dove i deficit di innovazione e digitalizzazione fanno sì che le imprese fragili superino il 50% a livello nazionale, sfiorando il 60% al Sud. Nel comparto manifatturiero sono fragili in Italia il 31% delle aziende che salgono al 39% nel Mezzogiorno.

Nel rapporto viene messo in evidenza come le imprese a rischio di chiusura siano quelle che “hanno forti difficoltà a resistere alla selezione operata dal Covid come risultato di una fragilità strutturale dovuta ad assenza di innovazione (di prodotto, processo, organizzativa, marketing), di digitalizzazione e di export, e di una previsione di performance economica negativa nel 2021“.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA/MATTEO BAZZI

Ti potrebbe interessare anche:

Partenza contrastata per Wall Street. Si attende Powell
Le parole del numero uno della Fed dovrebbero fornire indicazioni importanti su …
Criptovalute, violento sell-off a causa della Cina
Il Bitcoin si schianta sotto i 30.000$ per la prima volta da …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: