Lun, 21 Giugno
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Moda, il lusso tira e Richemont festeggia: l’utile fa +38% e balza a 1,2 mld nel 2020/21

I ricavi, che erano diminuiti di un quarto nella prima metà dell’anno fiscale che ha coinciso con i primi lockdown, sono poi rimbalzati del 12% nella seconda metà dell’anno fiscale. Il gruppo raddoppia il dividendo

Il lusso torna di moda. Richemont ha annunciato di aver chiuso l’esercizio 2020/2021, terminato a marzo, con un utile in crescita del 38% a 1,2 miliardi di euro. Il fatturato è sceso (su base annua) dell’8% a 13,1 miliardi di euro (14,4 miliardi di franchi) sulla scia delle incertezze causate dall’epidemia di coronavirus e delle restrizioni di viaggio, che hanno indotto i consumatori a spendere meno. Come però avvenuto per i concorrenti francesi LVMH e Kering le vendite sono tornate a crescere rapidamente con un balzo del 30% nel periodo gennaio-marzo 2021. A trainare gli affari sono state la Cina e gli Stati Uniti.

Il colosso ginevrino del settore del lusso, che nella sua scuderia presenta grandi marchi quali per esempio Cartier o Piaget, guarda anche con fiducia al futuro. Le cifre sono superiori alle previsioni degli analisi. In tutti i comparti d’attività si assiste a un accelerazione delle tendenze già riscontrate nei primi mesi del 2020. La gioielleria, che contribuisce per più della metà alle entrate del gruppo, ha superato i livelli pre-crisi.

Per lo scorso esercizio il gruppo intende pagare un dividendo di due franchi svizzeri per azione, doppio rispetto a quello dello scorso anno. Alla Borsa di Zurigo i risultati di Richemont sono stati festeggiati con un rialzo del titolo in avvio del 5,4% a 99,74 franchi.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: EPA/RICHEMONT / YVES-ANDRE.CH / HANDOUT HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

Ti potrebbe interessare anche:

Banche, JP Morgan acquisisce Nutmeg per un miliardo di dollari
L'obiettivo è crescere nei servizi digitali e tenere il passo delle challenger …
P.a., si contano 3,2 milioni di dipendenti, ai minimi da 20 anni. L’età media è 50 anni
La nostra pubblica amministrazione è carente di personale ed è anziana. Bisogna …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: