Sab, 25 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Pmi, il 40% dei ristoranti è ad alto rischio di fallimento

A rischio default anche un terzo degli alberghi. -1,3 milioni di occupati a fine 2021

Il Covid ha affossato l’economia italiana e a riconfermarlo ancora una volta è la fotografia scattata dal Rapporto Regionale Pmi 2021, realizzato da Confindustria e Cerved, in collaborazione con Intesa Sanpaolo

Ebbene, dall’analisi emerge che la quota di pmi rischiose sale al 28% nei settori maggiormente colpiti, con quote pari al 36,5% nel Mezzogiorno, al 29,4% nel Centro, al 26,9% nel Nord-Ovest e al 20% nel Nord-Est.

In particolare la presenza di pmi con un concreto rischio di default nei prossimi 12 mesi supera i due terzi tra le società che organizzano fiere e convegni, con percentuali ovunque superiori al 65%, mentre il 40% dei ristoranti è ad alta probabilità di fallimento. Si tratta di un balzo importante rispetto al 17,3% precedente al Covid ma, in questo caso, con ampi divari tra quelli del Nord-Est e quelli del Mezzogiorno (il 50,9%).

Risultano a rischio un terzo degli alberghi, anche in questo caso con evidenti gap tra il Nord-Est (20,7%) e le altre aree, con valori massimi al 46,6% nel Mezzogiorno.

La perdita di posti di lavoro per il complesso delle imprese italiane (non solo le pmi, ma anche micro e grandi imprese), tra dicembre 2019 e la fine del 2021 sarà di circa 1,3 milioni di unità, pari all’8,2% del totale dei 16 milioni di addetti nelle imprese prima dell’emergenza, la gran parte dei quali impiegati nel settore dei servizi.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: MAURIZIO BRAMBATTI/ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Record al femminile, Frida Khalo in asta a 30 milioni
L'ultima opera in asta da Sotheby's a New York L'ultimo autoritratto realizzato …
Smartphone usati, il mercato vale 1,4 miliardi di euro
La compravendita di seconda mano nel settore dell'elettronica genera un business da …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: