Dom, 13 Giugno
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Mps, First-Cisl: “Ue va nella direzione sbagliata”

Serve maggiore velocità nel dare parere su rafforzamento patrimoniale e piano strategico 2021-2025

Secondo un’analisi del sindacato bancario First-Cisl il Monte dei Paschi di Siena può farcela senza ricorrere alla suddivisione delle sue attività, ma a patto che la Ue sia veloce nel dare il suo parere sul rafforzamento patrimoniale e sul piano strategico 2021-2025. La lentezza a livello europeo spinge nella direzione sbagliata: secondo il sindacato l’Ue non conta sui punti di forza della qualità degli attivi e sull’avvenuta riduzione dei costi operativi.

Il sindacato attacca la DgComp di Bruxelles che impedisce alla banca di programmare il futuro e giudica negativamente il piano industriale, sbilanciato verso riduzione di occupazione e filiali. «Alla banca serve capitale per erogare credito alle imprese, unica strada per la crescita sostenibile dei ricavi – ha detto il segretario generale Riccardo Colombani – è di fondamentale importanza anche risolvere il problema dei rischi legali al fine di liberare patrimonio per accrescere i prestiti e di conseguenza il margine di interesse. Su questo punto serve una soluzione politica. La mole del contenzioso rende di fatto poco percorribile la privatizzazione. Il disegno dello spezzatino finirebbe per smembrare e porre fine alla storia della banca più antica del mondo».

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche: 

Bonus Irpef 2021, ecco come funziona la misura per dipendenti
Previsti 100 euro in busta paga a chi ha un reddito non …
Trasporto aereo, il 18 giugno sciopero di quattro ore
Dalle 13 alle 17, l'annuncio dei sindacati Il prossimo venerdì 18 giugno …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: