Mar, 27 Luglio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Covid, effetti negativi sul reddito fino al 2025

Gli scenari dell’EIEE e del FMI

Secondo uno studio condotto da RFF-CMCC European Institute on Economics and the Environment e dal Fondo Monetario Internazionale, l’impatto economico del Covid potrebbe continuare ad essere avvertito nei prossimi anni. Ciò significa che l’economia potrebbe riprendersi più lentamente di quanto auspicato e la povertà potrebbe continuare ad aumentare.

Lo studio si basa sull’analisi delle cinque grandi epidemie avvenute nel corso dell’ultimo secolo: Sars, Ebola, Zika, H1N1 e MERS. I ricercatori hanno eseguito delle stime da cui emerge che gli eventi pandemici del passato hanno influenzato le economie e le società colpite con riduzioni significative e persistenti del Pil, aumento della disoccupazione, disuguaglianza dei redditi e del rapporto debito/PIL. «Le pandemie del passato hanno avuto un impatto significativo e persistente sull’economia, la società e l’ambiente – ha spiegato Johannes Emmerling, ricercatore a capo dell’unità Low Carbon Pathways di EIEE e primo autore dello studio – in termini di domanda di energia e di emissioni di gas serra, l’effetto è stato principalmente ciclico e non ha portato a miglioramenti sistematici dell’efficienza».

Secondo lo studio, infatti, la riduzione delle emissioni di gas serra potrebbe essere solo un fenomeno temporaneo, perchè se la domanda di energia e le emissioni di CO2 calano durante un evento pandemico è soprattutto a causa del persistente declino dell’attività economica piuttosto che grazie a cambiamenti strutturali nel settore energetico. Senza un impegno e un focus ambientale chiaro, dunque, la riduzione delle emissioni sarà per lo più transitoria. È fondamentale affrontare gli impatti economici e sociali della pandemia ma garantendo una riduzione dell’intensità energetica e delle emissioni nel medio e lungo termine.

E per quanto riguarda il settore el lavoro, la combinazione dell’impatto su crescita economica e disuguaglianze ha portato a un aumento della povertà di 75 milioni di persone nel 2020, stime che secondo gli esperti sono riviste al ribasso.

Occorrerà allora che i Paesi si allineino per adattare una politica fiscale e altre macro politiche a una crescita che possa essere equa e sostenibile.

di: Micaela FERRARO

FOTO: AGI

Ti potrebbe interessare anche:

Fmi, l’Italia cresce più della Germania: in rialzo le stime sul Pil
+4,9% nel 2021 e +4,2% nel 2022 ma attenzione alle varianti del …
Risparmio gestito, la raccolta ammonta a 47 mld nel primo semestre 2021
Il patrimonio gestito sfonda il muro dei 2.500 miliardi. A trainare i …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: