Mar, 27 Luglio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Sostenibilità, addio alle auto a benzina e diesel entro il 2040

Con il Pnrr saranno disponibili 61 miliardi per rendere verdi le infrastrutture

Addio alle auto a benzina e diesel entro il 2040 . Lo assicura il ministro per le Infrastrutture e la Mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, che in un’intervista a La Repubblica, ha detto: «nel Governo stiamo ancora ragionando. Ci sono Paesi, come quelli del nord Europa, che hanno fissato il limite al 2030. Altri al 2040. A luglio arriverà l’indicazione della Commissione Europea. Noi presto decideremo, ma direi che il 2040 è una data limite per le auto a benzina e a diesel. I costruttori sono dalla nostra parte, stanno accelerando moltissimo».

Con il via libera formale della Commissione europea al Piano nazionale di ripresa e resilienza (guarda qui) per Infrastrutture e mobilità saranno disponibili 61 miliardi di euro. «Serviranno tutti – ha aggiunto il ministro. – Le infrastrutture sostenibili sono un concetto nuovo: farlo secondo l’economia circolare vuol dire progettarle per il riuso. E poi c’è il tema del coinvolgimento dei cittadini. Per questo abbiamo costituito una consulta con tutte le organizzazioni interessate. Che sta funzionando, c’è volontà di partecipazione».

Il ministro sottolinea come il concetto di viaggio sta cambiando, con un occhio alla semplificazione, alla collaborazione oltre che alla sostenibilità. «L’integrazione fra trasporto aereo e ferroviario sarà cruciale – ha aggiunto Giovannini. –
In Germania, ad esempio, Lufthansa ha già fatto un accordo con le ferrovie. In Francia c’è una legge che scoraggia l’uso dell’aereo per tratte che si raggiungono in treno in tre ore. Tutto questo significa una cosa molto semplice: l’Alta velocità deve arrivare in aeroporto».

Ma anche i porti cambieranno. Sul piatto c’è un investimento dedicato di quattro miliardi per trasformarli in porti verdi. «Questo significa “portare l’elettricità in banchina, così le navi spegneranno i motori a gasolio in porto. E poi ridurre i tempi di logistica per diminuirne l’impatto ambientale. Il cambiamento climatico sta cambiando la logistica», ha concluso il ministro.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Piazza Affari in calo, interrotto flusso positivo
Mercati in attesa di Fed e trimestrali big Tech Giornata difficile per …
Patenti, validità prorogata fino al marzo 2022
Nuovi termini anche per esami e foglio rosa È stata prorogata la …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: