Dom, 24 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Bonus ristrutturazione, come ottenere gli incentivi

Compreso anche il rifacimento dei pavimenti

Il bonus ristrutturazione prevede un incentivo per una serie di lavori di rifacimento nelle abitazioni, compresa la ristrutturazione di sottofondi, massetti e pavimentazioni.

Per la pavimentazione, in particolare, è possibile usufruire di questo bonus con detrazione al 50% se l’intervento riguarda le parti comuni di un condominio, anche nell’ambito della manutenzione ordinaria. Invece per le abitazioni private si può ottenere solo se è inserito in un intervento più ampio come il rifacimento dell’impianto idraulico.

Per quanto riguarda la pavimentazione esterna, rientra nel bonus e non nel bonus verde, perché quest’ultimo vale solo per le spese sostenute per la sistemazione e la manutenzione di aree verdi scoperte.

Chi può beneficiare del bonus? Tutti i contribuenti assoggettati all’Irpef: i proprietari e i nudi proprietari; gli usufruttuari o titolari del diritto di abitazione; i locatari; i soci di cooperative divise e indivise; gli imprenditori individuali; i soggetti che producono reddito in forma associata. Può beneficiare di tale agevolazione anche il familiare convivente di chi possiede l’immobile purché sostenga le spese e intesti i bonifici e le fatture a suo nome.

I requisiti, oltre naturalmente a quelli già visti, sono i seguenti: i lavori devono essere saldati con pagamento tracciabile e la scheda delle spese sostenute va inviata entro 90 giorni dalla realizzazione all’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, Enea. Devono essere inseriti tutti i dati di chi ha pagato, dell’immobile, le tipologie di intervento.

Il bonus può essere sfruttato tramite detrazione, sconto in fattura o cessione del credito d’imposta.

Ci sono altri due modi per rifare la pavimentazione in casa sfruttando le agevolazioni statali: far rientrare l’intervento nell’Ecobonus, se il pavimento rientra nelle strutture che contribuiscono al risparmio energetico dell’edificio, e in questo caso si ottiene una detrazione che va dal 50 al 65% dell’importo con limite massimo di 60 mila euro; oppure sfruttare il superbonus 110%, intervenendo sul pavimento per migliorare la classe energetica installando per esempio un impianto di riscaldamento a pavimento e associandovi però un lavoro trainante come il cappotto termico.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Vaccini, FDA conferma Pfizer per 5-11 anni. Austria verso il lockdown per non vaccinati
In Perù 200 mila morti da inizio pandemia. Nodo terza dose: Johnson …
Lavoro, entro ottobre il tavolo sullo smartworking
Il ministro Orlando: concentrarsi su sicurezza, diritto alla disconnessione e cybersecurity Il …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: