Dom, 24 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Partite Iva, ecco chi guadagna di più

In testa alla classifica notai, commercialisti e consulenti

Il ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato la classifica delle partite Iva che guadagnano di più, partendo dalle statistiche ISA relative al 2020. In vetta ci sono notai, commercialisti e consulenti, e in generale il settore delle professioni è quello che presenta guadagni maggiori. Agli ultimi posti, tendenza inversa per agricoltori e allevatori.

Gli studi notarili sono al primo posto: il reddito medio dichiarato è stato pari a 91.200 euro, in aumento del 36,5% rispetto al 2019. Commercialisti e consulenti del lavoro hanno avuto un reddito dichiarato pari a 70.600 euro, mentre i professionisti del settore sanitario si sono classificati terzi con 69.600 euro. Seguono architetti e ingegneri con un reddito medio pari a 44.400 euro.

Più in basso nella classifica ci sono il settore delle manifatture, quello dei servizi e quello del commercio: rispettivamente con redditi medi pari a 43.320, 33.130 e 28.140 euro.

Il settore meno redditizio come anticipato è quello dell’agricoltura: il reddito medio dichiarato è stato pari a 5.850 euro, in flessione del 6,55% rispetto al 2019. I redditi degli allevatori si aggirano intorno ai 5.100 euro in media.

I titolari di partita Iva che applicano gli ISA sono stati nel 2020 2.740.641, in calo rispetto al 2018 per effetto dei nuovi requisiti per l’applicazione della flat tax: c’è stata una riduzione del 32% dei contribuenti tenuti alla compilazione con la dichiarazione dei redditi.

Il 52% dei soggetti interessati si trovano al Nord Italia, il 27% al Sud e nelle Isole e il 21% nelle regioni del Centro Italia.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Vaccini, FDA conferma Pfizer per 5-11 anni. Austria verso il lockdown per non vaccinati
In Perù 200 mila morti da inizio pandemia. Nodo terza dose: Johnson …
Lavoro, entro ottobre il tavolo sullo smartworking
Il ministro Orlando: concentrarsi su sicurezza, diritto alla disconnessione e cybersecurity Il …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: