Ven, 06 Agosto
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Immobiliare, le case a un euro in vendita nei borghi

Dal Piemonte alla Sicilia il tentativo di ripopolamento

Molti borghi antichi in tutta Italia, da Nord a Sud, stanno cercando di ripopolarsi e per questo hanno varato alcune iniziative come la vendita di case alla cifra simbolica di un euro.

Si tratta generalmente di immobili da ristrutturare oppure legati a un contratto che prevede per esempio l’obbligo di residenza. Vediamoli.

In Sicilia è stata istituita questa possibilità nel Comune di Augusta, tra Catania e Siracusa, dove chi compra casa deve sostenere le spese connesse al passaggio di proprietà del bene; nel Comune di Racalmuto; a Troina, dove per comprare a un euro c’è l’obbligo di ristrutturare casa predisponendo un progetto di recupero e inizio lavoro entro due anni dall’acquisto, stipulando inoltre una polizza fideiussoria di cinque mila euro in favore del Comune e della durata di tre anni; Itala, dove a carico dell’acquirente ci sono tutti i costi di progettazione della ristrutturazione; Cammarata; Saponara; Bivona, dove il prezzo di un euro è valido se l’acquirente si assume tutte le spese necessarie al trasferimento della proprietà; Sambuca di Sicilia: in questo caso il Comune è al secondo bando dopo aver venduto tutte le 16 unità del precedente a un euro. Le prossime saranno a due euro; Mussomeli, dove l’obbligo è sostenere tutte le spese per la redazione dell’atto di cessione; Gangi.

In Sardegna invece i Comuni interessanti sono Montresta; Ollolai; Nulvi, dove sono state vendute tutte le case e quindi per il momento l’iniziativa è sospesa.

In Calabria il borgo interessato è Rose, dove gli acquirenti devono sostenere le spese di passaggio di proprietà, formalizzare il contratto di compravendita entro tre mesi dall’assegnazione, depositare un eventuale progetto dei lavori entro un anno dal contratto, iniziare i lavori entro tre mesi dal rilascio del permesso cli costruzione, ultimare i lavori entro tre anni.

In Puglia c’è Biccari, dove sono stati messi in vendita 12 immobili; Taranto, la prima grande città coinvolta nel progetto; Caprarica, dove oltre all’opzione di acquisto a un euro c’è anche il comodato d’uso gratuito per 20 anni a patto di ristrutturare e recuperare l’immobile.

In Campania sono coinvolti il Comune di Bisaccia e quello di Zungoli; in Basilicata c’è il Comune di Laurenzana. In Molise Castropignano, con circa 100 immobili coinvolti; nelle Marche Cantiano in provincia di Pesaro Urbino.

Più al Nord troviamo Borgomezzavalle in Piemonte, con due immobili disponibili; e Oyace in Valle d’Aosta.

di: Micaela FERRARO

FOTO: FACEBOOK

Ti potrebbe interessare anche:

Green pass, via libera del Cdm. Obbligatorio per i trasporti tra Regioni dal 1 settembre
Esentati dal certificato verde i clienti degli alberghi che vogliono usufruire dei …
Bonus affitti, ecco fino a quando si può richiedere
L'agevolazione è limitata ai Comuni ad alta tensione abitativa Il bonus affitti …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: