Dom, 19 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

FinecoBank: l’utile tocca un nuovo record a 184,6 mln nel primo semestre

I ricavi sono saliti del 3% a 403,5 milioni, trainati dall’Investing (+22,7%) grazie al crescente contributo di Fineco Asset Management, alla crescita dei volumi del risparmio gestito e ai maggiori margini netti sul gestito

Bilancio semestrale in crescita per Finecobank. L’utile netto tocca un nuovo record pari a 184,6 milioni di euro, superiore del 2% rispetto al primo semestre 2020 che era stato il miglior risultato di sempre. I ricavi sono saliti del 3% attestandosi a 403,5 milioni, trainati dall’Investing (+22,7%) grazie al crescente contributo di Fineco Asset Management, alla crescita dei volumi del risparmio gestito e ai maggiori margini netti sul gestito.

La raccolta è stata pari a 5,8 miliardi (+21,8% a/a). L’asset mix si è mostrato positivamente orientato verso il risparmio gestito, pari a quattro miliardi (+152% a/a). La raccolta amministrata si è attestata a 1,5 miliardi (-42,5% a/a), mentre la raccolta diretta è stata pari a 0,3 miliardi (-54,5% a/a). Al 30 giugno, Fineco Asset Management gestisce masse per 20,3 miliardi: 13,2 miliardi nella componente retail (+48,1% a/a) e 7,1 miliardi in quella istituzionale (+33,9% a/a).

«Siamo molto soddisfatti dei risultati del primo semestre dell’anno, che confermano un punto di svolta per la Banca e la sua capacità di crescere in tutti i contesti di mercato – ha commentato l’Ad Alessandro Foti. – I dati di raccolta evidenziano una forte accelerazione del risparmio gestito, un trend che ci aspettiamo proseguirà nei prossimi anni, anche grazie al contributo sempre più consistente di Fineco Asset Management».

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

L’arte all’asta: il Met batte foto e duplicati delle opere in collezione per far fronte alla crisi
Il museo newyorkese venderà in totale 219 duplicati per una cifra stimata …
Rincari bollette, Giorgetti: “il Governo saprà tamponare”
Secondo il ministro dello Sviluppo economico, è l'Europa che deve attuare politiche …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: