Sab, 25 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Bankitalia, la sfida per crescere passa dal gap tra Nord e Sud

Secondo uno studio, la competitività delle imprese è legata alla disponibilità dei trasporti

Secondo un rapporto pubblicato dalla Banca d’Italia, un grosso nodo per la ripartenza è rappresentato dalla differenza tra Nord e Sud Italia. «La dotazione di infrastrutture incide sulla capacità di crescere di un’economia e sul livello di benessere della collettività. La competitività delle imprese è strettamente legata alla disponibilità di una rete adeguata di trasporti e di telecomunicazioni, nonché alla qualità del servizio energetico e idrico, che rappresentano input essenziali dei processi di produzione», riporta la nota di Mauro Bucci, Elena Gennari, Giorgio Ivaldi, Giovanna Messina e Luca Moller, autori del report.

In Italia tra il 2009 e il 2019 c’è stata una battuta d’arresto nella spesa pubblica per investimenti, che è passata dal 4,6% al 2,9% del Pil. Sono diminuite le risorse destinate sia all’ampliamento che alla manutenzione delle infrastrutture, con conseguente allargamento del divario quantitativo e qualitativo rispetto agli altri paesi europei; ne ha risentito la dotazione di capitale pubblico delle aree del paese che già segnavano un ritardo.

Le aree che hanno i collegamenti stradali e ferroviari più veloci e quelle con maggiori possibilità di accesso ai principali scali aeroportuali e portuali, sono collocate nelle zone centro-settentrionali. Al contrario, Sud e Isole sono in svantaggio. Un gap infrastrutturale che riguarda anche la distribuzione di elettricità e di acqua, e persino la rete ospedaliera. Su quest’ultimo punto basta considerare che un cittadino nel Sud e nelle Isole ha il 40% di possibilità in meno di accedere a posti letto.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Record al femminile, Frida Khalo in asta a 30 milioni
L'ultima opera in asta da Sotheby's a New York L'ultimo autoritratto realizzato …
Smartphone usati, il mercato vale 1,4 miliardi di euro
La compravendita di seconda mano nel settore dell'elettronica genera un business da …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: