Lun, 20 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Fisco: le tasse da pagare entro il 31 agosto

Il 20 agosto sono scaduti ben 127 versamenti da calendario mentre altri 20 attendono la fine del mese

Mancano ormai pochi giorni alla fine del mese di agosto, un mese che è stato denso di appuntamenti con il Fisco, nonostante il differimento di molte tasse a metà settembre grazie a quanto previsto dal decreto Sostegni bis.

Lo scorso 20 agosto, infatti, sono scaduti i termini per il pagamento di ben 11 tasse da pagare: Irpef, addizionali, imposta di bollo, cedolare secca, ritenute, Iva, Ires, Irap, imposta di registro, imposte sostitutive e altre tipologie d’imposte.

Il totale dei versamenti è stato di 127, tra i quali quello periodico sulle accise, l’imposta sulle assicurazioni, la comunicazione mensile delle operazioni con l’estero (Esterometro), l’imposta di bollo sugli assegni circolari, il versamento sull’imposta sugli intrattenimenti, la liquidazione e versamento Iva mensile di luglio 2021 e del secondo trimestre 2021. Senza contare anche i contributi dei lavoratori dipendenti, occasionali e incaricati alle vendite, parasubordinati, medici in formazione specialistica. E ancora: le addizionali comunali, provinciali e regionali all’Irpef dei lavoratori dipendenti, i versamenti per l’avviamento delle attività commerciali e per i contributi in conto esercizio e per i premi, i versamenti su polizze vita e provvigioni e il versamento delle ritenute su redditi assimilati a lavoro dipendente, sul lavoro dipendente e sul lavoro autonomo e altri redditi.

Nuove scadenze, invece, sono previste al 31 di agosto. Queste riguarderanno cinque categorie di tasse per un totale di 20 versamenti. Si contano la rata addizionale Irpef comunale e provinciale, che non riguarda i soggetti Isa, e regionale. Senza dimenticare l’imposta sulle assicurazioni e la denuncia telematica accantonamenti per la Cassa Edile. Sempre il 31 agosto ci sarà da fare la comunicazione mensile Esterometro; le scritturazioni obbligatorie del Libro Unico Lavoro, l’imposta di bollo virtuale, il versamento acconto e saldo per la cedolare secca sugli affitti. E ancora: la trasmissione UniEmens/PosAgri e l’invio dei flussi UniEmens.

Nel frattempo continua la lotta dei commercialisti per ottenere una dilazione dei pagamenti, con relativo appello al Governo. «Tra il 20 e il 31 agosto ci troveremo ad affrontare ben 163 adempimenti fiscali» – ha sottolineato il presidente dell’Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili, Matteo De Lise.

In particolare i commercialisti chiedono che la prossima riforma del Fisco modifichi il calendario fiscale con una programmazione degli appuntamenti più equilibrata e anche di più facile comprensione. «Senza una nuova definizione dei termini per le impugnative, che possa permettere una giusta valutazione della cartella, a settembre ci troveremo ad affrontare oltre sessanta milioni di cartelle esattoriali inviate da Agenzia delle Entrate Riscossione» – ha evidenziato De Lise.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA/LUCA ZENNARO

Ti potrebbe interessare anche:

L’arte all’asta: il Met batte foto e duplicati delle opere in collezione per far fronte alla crisi
Il museo newyorkese venderà in totale 219 duplicati per una cifra stimata …
Rincari bollette, Giorgetti: “il Governo saprà tamponare”
Secondo il ministro dello Sviluppo economico, è l'Europa che deve attuare politiche …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: