Lun, 27 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Curriculum, ecco come renderlo efficace

Gli esperti di JHunters hanno pubblicato alcuni consigli

Settembre è il mese della ripartenza anche dal punto di vista lavorativo. È un momento importante per chi sta cercando lavoro, con il mercato che comincia a muoversi nuovamente dopo il contraccolpo della pandemia, ma per essere sicuri di farsi notare la prima cosa a cui bisogna prestare davvero attenzione è il curriculum.

Gli esperti di JHunters, un brand di Hunters Group specializzato in ricerca e selezione di professionisti, hanno pubblicato una lista con la top ten dei consigli pratici per un CV a prova di selezione.

La prima cosa a cui prestare attenzione è il formato: no al “tema”, sì a tutti quelli che mettono in evidenza le informazioni rilevanti. Rispetto alla tipolgoai di professione che si vuole ricoprire può essere più o meno efficace un dato tipo di CV, ma il fil rouge è questo: un curriculum deve essere innanzitutto di facile lettura e scorrevole.

Secondariamente, un CV deve essere schematico e non troppo lungo. Inoltre è meglio partire dall’ultima esperienza utile e andare a ritroso.

Non occorre allegare certificati o attestati, basta chiedere durante il colloquio se eventualmente il recruiter può aver interesse a visionarli: inutile appesantire per la prima scrematura.

La foto è importante, benché non obbligatoria: abbinare un volto a un percorso professionale è consigliabile. Meglio che sia formato tessera, sconsigliate foto di gruppo e famiglia ritagliate.

Sotto ogni job title bisogna spiegare attentamente il proprio ruolo, di cosa ci si occupa.

Non è invece fondamentale scrivere tutto, anche dimostrare di avere il dono della sintesi è utile.

Bisogna riportare sempre il nome delle aziende per cui si è lavorato, perché spesso è un dato che le società comunicano ai selezionatori, e può essere che siano indicate realtà particolarmente interessanti.

Sempre meglio inserire la data di nascita, può servire al datore di lavoro.

Infine: prima di salvare il CV è fondamentale controllare di non aver fatto errori di grammatica e rendere il file rintracciabile con un nome comprensibile. Per il formato, meglio scegliere uno dei classici, .doc o .pdf.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Bollette, rincari di almeno il 20% nonostante l’intervento del Governo
Il Governo ha stanziato 2,5 miliardi per eliminare i costi relativi agli …
La casa più sottile di Londra è in vendita per circa un milione di euro
Si trova a West London ed è larga solo quattro metri È …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: