Ven, 17 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Green Pass, ecco cosa cambia dal primo settembre

Obbligatorio su aerei, navi e treni e bus a lunga percorrenza

Dal primo settembre entra ufficialmente in vigore il Green Pass per i trasporti a lunga percorrenza. Fino al 31 dicembre 2021, ovvero fino al termine dello stato di emergenza, la certificazione verde sarà obbligatoria per treni, navi, aerei e autobus, per tutti i viaggiatori ad esclusione di coloro che sono esclusi per età dalla campagna vaccinale e che sono esenti sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti dal ministero della Salute.

Sono state pubblicate le linee guida per disciplinare il nuovo ordinamento.

Il primo punto riguarda le mascherine chirurgiche: devono essere sempre indossate e, a bordo degli aerei, la durata massima di utilizzo non deve essere superiore alle quattro ore, scadute le quali va sostituita.

Sempre per quanto riguarda il trasporto aereo, gli imbarchi e gli sbarchi devono avvenire evitando ogni assembramento e nel rispetto del distanziamento interpersonale di un metro ogni qualvolta sia possibile, eccetto per coloro che vivono nella stessa unità abitativa, congiunti e persone che hanno un rapporto stabile.

Prima dell’accesso deve essere misurata la temperatura che non deve mai essere superiore ai 37,5 gradi.

Devono anche essere sempre collocati i posti assegnati per evitare contatti stretti tra viaggiatori nella fase di movimentazione.

Prima della partenza i viaggiatori devono consegnare specifica autocertificazione che attesti di non aver avuto contatti stretti con persone affette dal Covid negli ultimi due giorni prima dell’insorgenza dei sintomi e fino a 14 giorni dopo l’insorgenza; un termine che si riduce a 7 in caso di viaggiatori vaccinati.

Devono essere limitati al massimo gli spostamenti e i movimenti all’interno dell’aereo stesso, e solo rispettando queste misure è consentita la capienza massima a bordo.

Il ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili inoltre ha proposto che vengano inseriti, per quanto riguarda gli autobus, dei mezzi ad hoc per gli studenti, in modo da garantirne l’uso esclusivo per i ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado ed evitare le grandi folle sui mezzi con il rientro a scuola.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Green pass, il Consiglio di Stato si pronuncia: “è valido e non viola la privacy”
Bocciato il ricorso di quattro no-vax che accusano il Governo di non …
Acri, lo stop dei dividenti mette ko le fondazioni bancarie: -45% i proventi nel 2020
Sono comunque aumentate le erogazioni per fare fronte alla crisi Covid Duro …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: