Sab, 25 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Alitalia, i sindacati sul piede di guerra: CIGS fino al 2025

La richiesta riguarda tutti i lavoratori che non saranno assunti da Ita, la compagnia aerea che sostituisce dal 15 ottobre prossimo Alitalia. I sindacati: “nessuno deve essere lasciato solo”

A poco più di un mese dal debutto ufficiale di Ita, la compagnia aerea che sostituisce dal 15 ottobre prossimo Alitalia, i sindacati sono ancora sul piede e fanno una richiesta precisa al Ministero del Lavoro: quattro anni di cassa integrazione per tutti i lavoratori che non saranno assunti dal nuovo vettore.

 A fine luglio, Alitalia, in amministrazione straordinaria, aveva aperto la procedura per una proroga di un anno della cassa integrazione straordinaria a zero ore e riguardante più di 7.000 lavoratori. La richiesta dei sindacati va perciò oltre di tre anni. «Un anno di Cigs – affermano in una nota – è troppo poco e i lavoratori non assunti dalla newco Italia Trasporto Aereo rischiano di rimanere senza tutele». Per i sindacati nessun lavoratore deve essere lasciato indietro.

Tra le richieste anche la definizione di un programma di mantenimento delle licenze, abilitazioni e certificazioni e di un progetto di riqualificazione del personale tecnico di terra e di volo, per agevolare e favorirne l’inserimento nel ciclo produttivo.

La distanza tra i sindacati, Alitalia e Ita resta evidente. Il ministero del Lavoro, dal canto suo, si è impegnato a proseguire il confronto sui temi presentati dai sindacati nei prossimi giorni. 

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA/ TELENEWS

Ti potrebbe interessare anche:

Germania, l’economia sotto Angela Merkel
Ecco come si è mossa la Germania nei 16 anni di Governo …
Alitalia, paga solo 50% stipendi
Il resto arriva dopo gara marchio I commissari Gabriele Fava, Giuseppe Leogrande …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: