Lun, 18 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

S&P alza le stime del Pil Italia da +4,9% a +6% nel 2021

Rivista al rialzo anche la prospettiva dell’Europa. L’aumento dell’inflazione + transitorio, esclusa una stretta della Bce

S&P Global ha alzato le stime di crescita dell’Italia nel 2021 al +6%, dal +4,9% previsto a fine giugno. Limate da +4,9% a +4,4% quelle per il 2022 mentre è confermata una crescita del +1,8% nel 2023. Questo è in sintesi quanto emerge dall’Economic Outlook Europe di settembre dell’agenzia Usa.

Sono state riviste al rialzo anche le prospettive dell’Europa: «Il rimbalzo dell’economia europea da quando sono state tolte le restrizioni in marzo-aprile è stato sorprendentemente forte, sia in termini di Pil che di occupazione, spingendoci ad alzare le nostre stime di crescita al 5,1%, dal 4,4% della nostra precedente previsione», si legge nel report.

S&P ha anche aumentato dal +1,8% al +2,2% le stime sull’inflazione nel 2021 per via della “forza della ripresa” che “ha causato carenze di materiali e l’aumento dei prezzi“. Ma l’aumento è considerato transitorio ed è prevista una decelerazione già dal prossimo anno. «L’aumento transitorio dell’inflazione non deve essere un motivo per un ulteriore inasprimento della politica monetaria della Bce – sottolinea la nota. – Di conseguenza non ci aspettiamo che la Bce interrompa gli acquisti netti complessivi di asset prima della fine del 2023 e quindi non ci aspettiamo nessun rialzo dei tassi fino alla fine del 2024». 

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA/JUSTIN LANE

Ti potrebbe interessare anche:

Bonus spesa, si può richiedere in cinque città italiane
Approvata una nuova tranche in alcuni Comuni italiani Sono stati riaperti i …
Ue, transizione energetica: rischio potenziale mille miliardi
Il rapporto del servizio studi del Parlamento Ue Secondo un rapporto predisposto …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: