Mar, 26 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Nike taglia l’outlook sulle vendite al 2022: +5-6%, rispetto al 10-11% precedentemente atteso

I motivi sono le interruzioni della produzione in Vietnam, la mancanza di forza lavoro, il transito più lungo delle merci

Nike paga i problemi nella catena di offerta che stanno colpendo tutto il mondo, scatenando un rialzo dei prezzi ovunque e il timore di una fiammata dell’inflazione più persistente di quanto si preveda e si speri.

In particolare il colosso degli articoli sportivi ha parlato di una congestione nella sua catena di approvvigionamento, che sta impattando sul suo bilancio in modo più forte di quanto precedentemente atteso. Il gigante è stato costretto di conseguenza a tagliare l’outlook sulle vendite dell’anno fiscale 2022, che ora sono previste crescere attorno al +5-6%, rispetto al 10-11% precedentemente atteso. Tutto questo per colpa soprattutto delle interruzioni della produzione in Vietnam, la mancanza di forza lavoro, il transito più lungo delle merci.

Riguardo ai risultati del primo trimestre fiscale Nike ha reso noto di aver riportato un utile per azione di $1,16, meglio degli $1,11 attesi, e un fatturato di $12,25 miliardi, peggio dei $12,46 miliardi previsti, a causa del rallentamento della domanda nel mercato del Nord America.

Il titolo crolla in Borsa e scivola del 6,50% a Wall Street.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: EPA/WU HONG

Ti potrebbe interessare anche:

Bonus terme, si parte: dopo la prenotazione 60 giorni per usufruirne
L'elenco delle strutture valide sul sito di Invitalia e del ministero Il …
Bonus 600 euro, in arrivo l’indennità per i datori di lavoro
Spetta una tantum a chi ha l'onere della malattia dei lavoratori in …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: